BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

GIRO D'ITALIA 2013/ Wiggins: più in forma dell'anno scorso, e punto anche al Tour

Bradley Wiggins, uno dei grandi favoriti per la vittoria del prossimo Giro d'Italia, annuncia di essere più in forma dell'anno scorso e che punterà alla doppietta con il Tour de France

Bradley Wiggins in maglia gialla (Infophoto) Bradley Wiggins in maglia gialla (Infophoto)

Bradley Wiggins è il protagonista più atteso del Giro d'Italia 2013: non capita spesso che il detentore del Tour de France indichi il Giro come obiettivo principale della sua stagione. Il britannico del Team Sky ha però questa idea ben chiara in testa già da molti mesi, e punta forte sulla Corsa Rosa. Senza tuttavia dimenticare il Tour, come ha dichiarato ieri: “L'obiettivo è vincere sia il Giro sia il Tour. So bene che non sarà facile fare doppietta, ma se uscirò dal Giro senza infortuni o altri problemi riuscirò poi ad arrivare in Francia nelle migliori condizioni”. Notizia che non farà piacere a Chris Froome, che pensava di essere il capitano unico al Tour e invece si ritroverà in squadra il compagno mai amato; Wiggo ne parla così: “Non siamo amici fuori dalle corse e non dimentico che mi ha attaccato in diverse tappe di montagna nel 2012. Ora è troppo presto per dire chi sarà il leader, quando troveremo le grandi montagne lo sarà chi sarà davanti in classifica”. Ma prima c'è il Giro, e il messaggio che Sir Bradley lancia a Vincenzo Nibali e agli altri rivali è chiarissimo: “Tutto lascia capire che sono in una forma migliore rispetto al Tour dell'anno scorso e per questo sono meno preoccupato in vista delle salite. Due anni fa non avrei mai immaginato di poter provare a vincere il Giro, ma ora che sono riuscito a conquistare il Tour penso che se riuscirò a mantenere questa forma e con i miglioramenti fatti negli ultimi 18 mesi potrò farcela. Questa corsa è più adatta a Nibali, è il grande favorito italiano, s'è allenato per questo e dopo non andrà al Tour. Lo rispetto molto, ma non ho paura. Anche Hesjedal, Scarponi e Basso sono da tenere d'occhio, ma sono contento della mia squadra”.

© Riproduzione Riservata.