BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CLASSIFICA SERIE A/ I risultati delle partite (31esima giornata)

Con la vittoria ottenuta ieri, la Juventus prosegue la sua corsa solitaria in testa alla classifica. Il Napoli, impegnato stasera con il Genoa, deve necessariamente conquistare i 3 punti.

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

Nel primo anticipo della 31esima giornata di Serie A, la Juventus ha superato il Pescara grazie alla doppietta di Mirko Vucinic e prosegue la sua corsa solitaria in testa alla classifica. Gli uomini di Conte si portano a quota 71 punti, staccando di ben 12 lunghezze la compagine partenopea, attualmente a 59 punti. Crisi nera invece per il Pescara che dopo questa sconfitta vede la Serie B sempre più vicina: gli abruzzesi sono ultimi in classifica a quota 21 punti, ben 6 in meno di Palermo e Siena. Nell’altro anticipo di questo fine settimana calcistico, Bologna e Torino terminano la gara in parità (), risultato che in fondo non modifica più di tanto una situazione in classifica piuttosto tranquilla per entrambe le formazioni: gli emiliani viaggiano al momento a quota 37 punti, seguiti a una sola lunghezza dai piemontesi (36). Altro pareggio (altrettanto rocambolesco) quello registrato nella sfida dell’ora di pranzo di questa domenica tra Fiorentina e Milan: i viola, rimontando il doppio svantaggio grazie a due rigori, si portano adesso a 52 punti in classifica e continuano a tenere testa ai rossoneri nella sfida per il terzo posto, mentre la formazione guidata da Massimiliano Allegri rimane a un punto dal Napoli a quota 58. Grandi polemiche per l'arbitraggio di Tagliavento, che espelle Tomovic per un fallo veniale ma poi è forse generoso nel concedere il primo rigore alla Fiorentina e non ne vede uno per un fallo di mano di Roncaglia. Tra le altre partite disputate oggi da sottolineare la bella vittoria del Palermo sul campo della Sampdoria, con i siciliani che adesso sperano di poter allontanarsi il più possibile dalla zona retrocessione, in cui al momento la squadra di Sannino si trova insieme al Siena e al Pescara. Da registrare la grande prova di Ilicic e una Sampdoria davvero sotto tono, che lascia subito strada ai rosanero, in gol anche con Von Bergen e garcia (Munari per i blucerchiati). Proprio la squadra toscana spreca l’occasione di guadagnare diverse posizioni e conclude con uno 0-0 la gara di oggi contro il Parma, con gli emiliani che invece rimangono saldamente a metà classifica a quota 39 punti, mentre il Siena non approfitta e si complica la vita. Finisce 0 a 0 anche tra Catania e Cagliari: i siciliani, dopo essersi avvicinati alla zona Europa, si trovano al momento a 46 punti, appena una lunghezza sotto la Roma, mentre la formazione sarda compare più in basso a 39 punti. Gara bruttissima e pareggio a reti bianche sacrosanto, anche se il Catania avrebbe dovuto ragionevolmente fare di più. Infine abbiamo visto l’Udinese trionfare in casa contro il Chievo (3-1) e portarsi così a quota 45 in classifica grazie a una doppietta di Di Natale, il cui secondo gol è un capolavoro che ha ricordato quello di Totti a Genova nel novembre del 2006 (clicca qui per la classifica marcatori del campionato), mentre gli scaligeri (inutile la rete di Papp, prima in serie A) si fermano a quota 35, ancora al sicuro ma con l'imperativo di non poter permettersi altri scivoloni. Nei due posticipi della domenica clamorosa vittoria dell'Atalanta, che rimonta da 1-3 a 4-3 e va a vincere a San Siro contro l'Inter (tripletta di Denis), mentre al San Paolo il Napoli ha domato più "banalmente" il Genoa con un secco 2-0 (Pandev-Dzemaili).