BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SERIE B/ 41esima giornata, il programma e la classifica. Il Livorno vince l'anticipo

Oggi pomeriggio si gioca la quarantunesima e penultima giornata di serie B: il programma delle partite e la classifica dopo l'anticipo vinto dal Livorno sul Brescia ieri sera (3-0)

Eusebio Di Francesco, allenatore del Sassuolo (INFOPHOTO) Eusebio Di Francesco, allenatore del Sassuolo (INFOPHOTO)

La penultima giornata di serie B potrebbe regalare tanti verdetti. Innanzitutto, ricordiamo che ieri sera il Livorno ha battuto con un perentorio 3-0 il Brescia nell'anticipo (doppietta di Belingheri e gol di Dionisi) e – anche in virtù di questo risultato – oggi potrebbero arrivare degli interessanti verdetti. Per quanto riguarda le promozioni dirette, il Sassuolo potrà festeggiare già oggi se vincerà a Lanciano, mentre c'è una combinazione che darebbe subito la serie A al Verona: però sarà necessario che i gialloblu vincano sul campo della Juve Stabia e anche che il Sassuolo perda a Lanciano. Di certo al termine delle partite la situazione sarà più chiara anche se – scherzi del calendario – fra una settimana sono in programma ben tre scontri diretti (Sassuolo-Livorno, Verona-Empoli e Brescia-Varese) che complicano ulteriormente la situazione. Di certo tutte le squadre che sperano nella disputa dei playoff faranno il tifo per l'Empoli, atteso dalla partita in casa contro il Cittadella e unica formazione in grado di contenere sotto i 10 punti il distacco tra la terza e la quarta della classifica. Nel frattempo però il Novara (impegnato nel derby contro la già retrocessa Pro Vercelli) e il Varese (lunedì sera nel posticipo contro il Crotone) dovranno anche cercare di staccare il Brescia per puntare ad un posto nei playoff – se ci saranno. Tutto è ancora apertissimo, e questo è certamente un bene. Anche in zona retrocessione tutto o quasi può ancora succedere: già condannate Grosseto e Pro Vercelli, il Vicenza e l'Ascoli sono in lotta per evitare la terza retrocessione diretta, ma devono anche correre per evitare che si faccia troppo grande il distacco dalla quintultima, che farebbe saltare i playout. Obiettivo opposto naturalmente per la Reggina, il Lanciano e il Cittadella, cioè le tre squadre che rischiano di dover giocare i playout: evitare il quintultimo posto, o almeno far sì che il margine sulla quartultima sia di almeno 5 punti. Forse servirà la calcolatrice, di certo ci attendono 90 minuti di grandi emozioni.