BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

GIRO D'ITALIA 2013/ La classifica generale dopo la nona tappa. Nibali mantiene la maglia rosa

Poche novità nella classifica generale al termine della nona tappa del Giro d’Italia che ha portato i ciclisti da Sansepolcro a Firenze attraverso un percorso di 170 chilometri totali.

Foto: InfoPhotoFoto: InfoPhoto

Poche novità nella classifica generale al termine della nona tappa del Giro d’Italia che ha portato i ciclisti da Sansepolcro a Firenze attraverso un percorso di 170 chilometri totali. Ad arrivare davanti a tutti al traguardo è Maxim Belkov, atleta russo ventottenne del team Katusha che ha staccato il gruppo della maglia rosa di 1’06”, con Vincenzo Nibali che quindi resta al comando della classifica (clicca qui per la cronaca  e l'ordine d'arrivo della nona tappa). Al secondo posto di questa nona tappa c’è invece Carlos Alberto Betancur, che negli ultimi 500 metri prima del traguardo è stato capace di raggiungere e superare Ludvigsson e Pantano, conquistando in questo modo secondi preziosi. La vera novità riguarda invece Ryder Hesjedal, andato in crisi sulla salita della collina di Fiesole e in ritardo da Nibali di 1'10'': il canadese, dopo la brutta giornata, è passato dal sesto all’undicesimo posto in classifica generale. Ecco allora che nella top ten entra prepotentemente Tanel Kangert, estone compagno di squadra di Nibali nel team Astana. Proprio il siciliano, invece, arriva a Firenze quarto dietro ad Alex Dowsett della Movistar e a Bradley Wiggins del team Sky: il britannico vincitore del Tour de France 2012 è attualmente quarto in classifica generale a +1’16”, seguito da Michele Scarponi a +1’24” e Montoya del team Sky a +2’11”. Martedì, dopo il giorno di riposo di domani, gli atleti del Giro saranno impegnati nella prima frazione alpina che, in 167 chilometri, porterà il gruppo da Cordenons all’Altopiano del Montasio. Intanto Nibali è sempre il grande favorito per la vittoria finale (clicca qui per l'intervista esclusiva a Roberto Miodini).