BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

INTERNAZIONALI D'ITALIA/ Tennis, a Roma si gioca: record, favoriti e curiosità

Pubblicazione:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

che possono venire dalla spagnola Garbine Muguruza, 20 anni a ottobre (origine venezuelana: è nata a Caracas da madre del luogo) o da Laura Robson, che però affronta Venus Williams al primo turno e Serena se dovesse vincere. Tra le donne è Chris Evert a detenere il record di vittorie (5). Le altre italiane hanno avuto un sorteggio più o meno benevolo: Roberta Vinci trova la Vesnina con cui è sotto nei precedenti ma sulla terra è un'altra storia, Flavia Pennetta ha l'astro nascente Sloane Stephens che però non ama questa superficie e dopo l'exploit agli Australian Open (semifinale) è decisamente in calo. Speriamo: non vinciamo questo torneo dal 1985, con Raffaella Reggi che però lo ha fatto in "esilio", a Taranto. Così, l'ultimo ad alzare il trofeo al Foro Italico è stato Adriano Panatta nel 1976, anno in cui ha vinto anche Roland Garros e Coppa Davis e qui ha annullato 11 match point a Kim Warwick. Successivamente è diventato direttore degli Internazionali e un giorno, volendo avvisare la folla alla biglietteria che Venus Williams si era ritirata, si sentì gridare dietro "se gioca la Kournikova va bene così". Una delle tante storie di questo torneo, come quando Davide Sanguinetti, chiamato ad un'esibizione contro Marcelo Rios perchè l'altro finalista si era ritirato, visse un inferno di palle corte e palle negli angoli che il cileno malignamente gli piazzò per tutta la partita, dopo che il nostro gli aveva suggerito di avere clemenza in quanto aveva appena finito di pranzare. La partita più lunga? La finale del 2006 - allora si giocava ancora ai cinque set - cinque ore e cinque minuti, con due match point cancellati da chi poi avrebbe vinto. Si chiamava Rafael Nadal, e il suo avversario era Roger Federer. Strano, no?

 

(Claudio Franceschini)

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.