BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Giro d'Italia 2013 / Dodicesima tappa, Longarone-Treviso (134 km): il percorso

La dodicesima tappa del Giro d'Italia è corta e quasi interamente pianeggiante, perfetta dunque per i velocisti: tutte le informazioni utili e il percorso della Longarone-Treviso (134 km)

Mark Cavendish (Infophoto) Mark Cavendish (Infophoto)

Oggi una giornata di riposo (o quasi) al Giro d'Italia. La tredicesima tappa della 96esima edizione della Corsa Rosa, Longarone-Treviso, è infatti la più breve fra tutte quelle in linea (134 km) ed è anche quasi interamente pianeggiante. Sarà dunque una giornata dedicata ai velocisti, come è anche giusto considerando che l'ultima volata è stata esattamente una settimana fa a Margherita di Savoia, e vide la vittoria di Mark Cavendish davanti ad Elia Viviani. Lo stesso identico esito si ebbe a Napoli nella prima tappa, e dunque è logico considerare il britannico come favorito e il giovane azzurro come suo primo sfidante, anche se naturalmente bisognerà verificare le condizioni di forma degli sprinter dopo una settimana che per loro è stata durissima. Tornando al percorso della tappa di oggi, la prima notazione è per la località di partenza: con il via da Longarone (ritrovo dalle ore 12.35, partenza alle 14.05) si completa il tributo del Giro al cinquantesimo anniversario della tragedia del Vajont. Dopo pochi chilometri da segnalare uno strappo che porterà la corsa a Pieve d'Alpago, dove sarà posto il primo traguardo volante (km 16,7) e che potrebbe essere l'occasione per fare partire una fuga da lontano. Altri strappi lungo il percorso sono i due Gpm di quarta categoria che andranno affrontati, cioè il Muro di Ca' del Poggio (km 57,3) e il Montello-Santa Maria della Vittoria (km 93). Soprattutto il primo si annuncia impegnativo, avendo caratteristiche molto simili ai mitici muri delle classiche del Nord. Tuttavia, isolato nel contesto di una tappa pianeggiante di un grande Giro, e con i velocisti desiderosi di tornare alla ribalta dopo tanti giorni d'attesa, è davvero difficile pensare che possa lasciare il segno. Detto che il secondo traguardo volante sarà posto a Vidor (km 79), passiamo a descrivere il finale. Interamente pianeggiante, sarà pure caratterizzato da un circuito cittadino: strade larghe e ben asfaltate, ma non mancheranno due punti in cui fare grande attenzione, cioè due curve insidiose ai -6,8 km e -1,7 km dall'arrivo. Il rettilineo d'arrivo sarà invece lungo 1100 metri, ideale per sprigionare la massima potenza delle ruote veloci del gruppo.