BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Internazionali d'Italia / Tennis Roma, Errani-Vinci sconfitte nella finale del doppio da Hsieh-Peng (6-4, 3-6, 8-10)

Niente vittoria nel torneo di doppio femminile agli Internazionali d'Italia: Sara Errani e Roberta Vinci perdono la finale contro Hsieh e Peng, venendo rimontate dopo il 6-4 nel primo set

Foto Infophoto Foto Infophoto

INTERNAZIONALI D'ITALIA - Non c'è la doppietta azzurra agli Internazionali d'Italia, e così la domenica romana al Foro Italico inizia male per il pubblico che oggi assisterà alle due finali del torneo singolare, prima Serena Williams-Azarenka e poi la supersfida Nadal-Federer. Sara Errani e Roberta Vinci salutano invece il torneo con la sconfitta nella finale del doppio, dove erano le grandi favorite per tutti i successi mietuti nel 2012: hanno avuto la meglio Su-Wei Hsieh e Shuai Peng, che si sono imposte con il punteggio di 4-6, 6-3, 10-8 (il terzo set nel doppio è diventato un super-tie break ai 10 punti). E dire che si era anche messa bene: il primo set era scivolato via senza troppi problemi, un 6-4 per le nostre ragazze che davano l'impressione di controllare, spinte dal pubblico del centrale. E invece, Hsieh e Peng si sono dimostrate ossi durissimi: sono entrate in partita, hanno cominciato a ribattere colpo su colpo e in un secondo set equilibrato hanno centrato il break decisivo nel settimo gioco, quando Errani e Vinci hanno sprecato un vantaggio di 40-15. Chiuso il set, le due avversarie hanno preso spinta e fiducia giuste per salire 8-4 e mettere una serissima ipoteca sulla vittoria finale. Sara e Roberta con l'ultimo orgoglio rimasto hanno recuperato quatttro punti, ma alla fine hanno dovuto cedere le armi. Non c'è il bis dopo il trionfo del 2012: il prossimo appuntamento per la miglior coppia del ranking mondiale è per il Roland Garros, dove sono ancora le campionesse in carica. Una delusione per il pubblico di Roma, che sperava di assistere a un trionfo dopo che il singolare era finito male (con Sarita incapace di resistere ai colpi di Victoria Azarenka).

© Riproduzione Riservata.