BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Diretta / Siena-Milan live: la partita comincia!

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

DIRETTA SIENA-MILAN: LA PARTITA - Tutto pronto per Siena-Milan: ultima giornata di serie A, con i toscani già retrocessi i rossoneri dovranno cercare la vittoria per non dover aspettare notizie da Pescara, dove la Fiorentina potrebbe ancora togliere i preliminari di Champions League alla squadra di Allegri, forse all'ultima sulla panchina del Milan (nel suo futuro potrebbe esserci la Roma). Al netto delle assenze, Iachini manda in campo la formazione migliore: un centrocampo rinforzato con un uomo in più che è Bolzoni, fuori dunque un trequartista (Sestu) con il solo Rosina a supporto di Emeghara. Nel Milan ancora in panchina El Shaarawy: caso oppure no, il Faraone non segna da febbraio e Allegri gli preferisce Niang, che rispetto a lui ha più fisico anche se meno tecnica ed esperienza. Ce la fa Montolivo: va sul centrosinistra, con Ambrosini regista davanti alla difesa (forse anche lui all'ultima con il Milan). FORMAZIONI UFFICIALI SIENA-MILAN SIENA (3-5-1-1): Pegolo; Terzi, Terlizzi, Felipe; Vitiello, Calello, Della Rocca, Bolzoni, Rubin; Rosina; Emeghara. A disp.: Farelli, Uvini, Valiani, Paolucci, Verre, Belmonte, Matheu, Agra, Paci, Sestu, Bogdani. All.: Iachini. MILAN (4-3-3): Abbiati; Abate, Zapata, Mexes, De Sciglio; Nocerino, Ambrosini, Montolivo; Robinho, Balotelli, Niang. A disp.: Amelia, Gabriel, Bonera, Yepes, Zaccardo, Antonini, Constant, Salamon, Traoré, Pazzini, El Shaarawy. All.: Allegri.

CLICCA QUI PER LA DIRETTA DI SIENA MILAN: SEGUI E COMMENTA LA PARTITA IN TEMPOREALE

DIRETTA SIENA-MILAN: LA PARTITA - E' una delle partite che hanno ancora un significato in termini di classifica: Siena-Milan, 38esima e ultima giornata di serie A, sarà per i toscani l'occasione di salutare il pubblico del Franchi dando loro appuntamento alla prossima stagione quando si proverà immediatamente a risalire dalla serie B. Per il Milan però è l'occasione di blindare il terzo posto, che ancora non è al sicuro: sono 2 i punti di vantaggio sulla Fiorentina, ma lo scontro diretto è sfavorevole visto che i viola hanno vinto a San Siro (3-1) e hanno poi tenuto il 2-2 in casa. Dunque, per centrare i preliminari di Champions League i rossoneri hanno bisogno di una vittoria: solo così riusciranno a stare davanti ai viola, che in caso di arrivo a pari punti (a quota 70) sarebbero terzi. Naturalmente questo discorso non tiene conto del fatto che la Fiorentina possa pareggiare o perdere in casa del Pescara: in questo caso il Milan anche senza punti andrebbe in Champions League. I precedenti tra le due squadre a Siena sono otto. I rossoneri sono nettamente in vantaggio: sei vittorie contro uno solo del Siena, datato 2004/2005 quando il Milan era campione d'Italia in carica ma non riuscì a difendere lo scudetto. Lo scorso anno finì 4-1 per un Milan che cercava di tenere le distanze dalla Juventus ma alla fine dovette capitolare. Ci sono due ex, uno per parte: Nicola Pozzi è cresciuto nel Milan e nel 2003/2004 era aggregato alla prima squadra, tuttavia senza incidere e andando subito altrove. Luca Antonini invece ha vissuto una stagione importante a Siena, nel 2006/2007. 

CLICCA QUI PER LA DIRETTA DI SIENA MILAN: SEGUI E COMMENTA LA PARTITA IN TEMPOREALE

Senza i punti di penalizzazione, oggi il Siena sarebbe ancora in corsa per la salvezza. Una situazione difficile per i toscani, che di fatto ha impedito alla squadra di Iachini (e prima di Serse Cosmi) di accontentarsi in certe occasioni del pareggio, dovendo invece sempre spingere sull'acceleratore e inevitabilmente concedendo qualcosa. Sembrava a un certo punto che l'inseguimento fosse coronato, ma poi la stanchezza si è fatta sentire e le ultime cinque partite, tutte perse e con un solo gol all'attivo (domenica scorsa, contro il Napoli) sono lì a testimoniare che lo sforzo è stato pagato a caro prezzo. Appena 2 i punti conquistati dal Siena nelle ultime cinque partite giocate al Franchi, dove hanno raccolto 23 punti: 6 vittorie e 5 pareggi, con anche 7 sconfitte. Il problema è stato soprattutto l'attacco: 35 gol totali, 15 dei quali realizzati in casa, con la situazione che è leggermente migliorata solo da gennaio in avanti, quando è arrivato Innocent Emeghara che ha segnato 7 reti. I gol incassati sono 55: meglio di altre squadre anche per la presenza di un ottimo portiere come Pegolo, che già la scorsa stagione aveva giocato molto per l'infortunio di Brkic e quest'anno è stato lanciato titolare. Il Milan invece ha un bilancio esterno di tutto rispetto: ha conquistato 28 punti lontano da San Siro, vincendo e pareggiando lo stesso numero di partite (7) e perdendone quattro, ultima delle quali quella contro la Juventus dello scorso 21 aprile. I gol segnati sono 32 (su 65 totali), quelli subiti 23 (su 38): nella prima parte di stagione il grande protagonista è stato Stephan El Shaarawy con 16 reti (l'ultima però a febbraio, nel derby), poi è arrivato Mario Balotelli dal Manchester City e le reti del bresciano sono già 11 in 12 partite, una media straordinaria che non aveva mai tenuto nel corso della sua carriera. In più, Pazzini partendo spesso dalla panchina è stato decisivo con 15 gol. Anche i rossoneri hanno naturalmente rallentato dopo aver tirato per tutto l'inverno, ma i punti nel girone di ritorno sono comunque 39 (meglio ha fatto soltanto la Juventus) e nelle ultime cinque giornate sono arrivati 10 punti, pur se Allegri spera che il pareggio interno contro la Roma della scorsa domenica non abbia ripercussioni sulla lotta alla Champions League. Ora non resta che dare la parola al campo: la diretta di Siena-Milan sta per cominciare…

CLICCA SUL PULSANTE > QUI SOTTO PER LA DIRETTA DI SIENA-MILAN: SEGUI E COMMENTA LA PARTITA IN TEMPOREALE



  PAG. SUCC. >