BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Giro d'Italia 2013 / Diciassettesima tappa, Quaranta: Visconti campione ritrovato. Nella cronoscalata mi aspetto... (esclusiva)

Seconda vittoria nelle ultime tre tappe per Giovanni Visconti, che ha staccato tutti nel finale della gara odierna. IVAN QUARANTA commenta la sua azione e parla della cronoscalata di domani

Foto Infophoto Foto Infophoto

Giovanni Visconti ha fatto il bis. Il corridore siciliano della Movistar ha vinto la Caravaggio–Vicenza di 214 chilometri, diciassettesima tappa del Giro d'Italia 2013 con una bellissima azione solitaria. E' scattato sulla salita in programma a 15 chilometri dall'arrivo. Domenica Visconti aveva vinto sulla mitica salita del Galibier. Oggi si è riconfermato, dimostrando di attraversare uno splendido periodo di forma. Vincenzo Nibali ha difeso la maglia rosa con estrema facilità, prima della cronoscalata di domani, la Mori–Polsa (clicca qui per sapere come seguire in diretta tv e in streaming la diciottesima tappa): 20,6 chilometri che potrebbero suggellare il suo trionfo alla corsa rosa. Oggi praticamente i big si sono tutti controllati e non è successo niente di sorprendente. Stanno già pensando alle tappe dei prossimi giorni, quando ci saranno le residue speranze di battere Nibali per Evans, Uran e gli altri corridori di classifica. Certo il Nibali visto in corsa è apparso determinato, ben convinto delle sue possibilità, pronto a recitare il ruolo di protagonista del Giro fino in fondo. E' difficile quindi che nella cronoscalata di domani possano arrivare risultati inaspettati. Per parlare di Giro abbiamo sentito Ivan Quaranta. Eccolo in questa intervista esclusive rilasciata a ilsussidiario.net.

Seconda vittoria per Visconti: un giudizio su questo corridore? E' un corridore da classiche, un corridore che va bene nelle corse di un giorno, probabilmente non capace di esprimersi nella classifica delle corse a tappe, ma che riesce spesso a dare l'acuto vincente in giornate come questa.

Abbiamo ritrovato un campione? Direi di sì, perchè se si pensa che aveva vinto già sul Galibier e ha conquistato un'altra tappa importante oggi vuol dire che è ritornato il campione che tutti ci aspettavamo dopo un periodo difficile.

Potrebbe essere pronto per fare un grande Mondiale? Non conosco fino in fondo le caratteristiche del Mondiale, ma credo che Visconti potrò mettersi sicuramente in evidenza e fare bene.

Oggi tappa di assestamento, i big si sono controllati a vicenda?