BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GIRO D'ITALIA 2013/ Numeri e curiosità della corsa rosa

Pubblicazione:venerdì 3 maggio 2013 - Ultimo aggiornamento:sabato 4 maggio 2013, 11.26

Foto Infophoto Foto Infophoto

Scatta sabato l'edizione numero 96 del Giro d'Italia. Come Paese non lo vinciamo dal 2011, quando Michele Scarponi approfittò della squalifica per doping di Alberto Contador e precedette sul podio Vincenzo Nibali; nel 2010 l'ultima vittoria italiana non decretata a tavolino, quella di Ivan Basso che finì davanti a David Arroyo. Si inizia da Napoli: l'ultima volta era successo nel 1963, mentre è dal 2009 che una tappa non partita dal capoluogo della Campania. Al via 207 corridori suddivisi in 23 squadre, che si daranno battaglia per 21 tappe, da Napoli a Brescia, lungo un percorso di 3.458, 8 chilometri. Ci sono tre cronometro: la cronosquadre di Ischia di domenica, poi la Gabicce Mare-Saltara all'ottava tappa, infine la cronoscalata Mori-Polsa alla 18esima. Cinque gli arrivi in montagna: a Montasio, Bardonecchia, sul Galibier, a Val di Martello, sulle Tre Cime di Lavaredo. Giro per scalatori con 39 montagne da affrontare, 11 GPM di prima categoria, 11 di seconda categoria, 7 di terza e 10 di quarta; ma anche giro per velocisti che avranno almeno sette tappe per provare a vincere la giornata. Due i giorni di riposo, entrambi di lunedi (13 e 20 maggio). Mille euro per ogni corridore che chiuderà in maglia rosa la tappa, 11.010 euro al vincitore di ogni tappa, 90.000 euro di montepremi a chi arriverà a Brescia in testa alla classifica e succederà nell'albo d'oro a Ryder Hesjedal, il canadese che un po' a sorpresa ha trionfato lo scorso anno. A proposito di albo d'oro: l'Italia lo domina con 68 vittorie (le 5 di Alfredo Binda e Fausto Coppi sono record, detenuto insieme a Eddy Merckx) davanti alle 7 del Belgio (5 solo del Cannibale), ed è davanti anche per vittorie di tappa, con un podio tutto tricolore che dice Cipollini 42, Binda 41, Guerra 31 (il primo straniero, ancora una volta, è Eddy Merckx, dietro anche a Costante Girardengo). Felice Gimondi è il corridore ad aver totalizzato più podi (9), Alfredo Binda ha 12 vittorie di tappa (Petacchi segue a 9). Il Giro più corto è quello di esordio: 2.245 Km, vinto da Luigi Ganna. Il più lungo nel 1949, 4.337 Km con Fausto Coppi a trionfare davanti a Bartali. Il vincitore più anziano è Fiorenzo Magni, che nel 1955 ha vinto il suo terzo e ultimo Giro all'età di 34 anni e 180 giorni; il più giovane, naturalmente, Fausto Coppi, che nel 1940 stupì tutti prendendosi la corsa a 20 anni e quasi nove mesi. Tutti record storici: ne cadrà qualcuno in questa edizione?



© Riproduzione Riservata.