BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GIRO D'ITALIA 2013/ Seconda tappa, cronosquadre Ischia-Forio (17,4 km): il percorso

Pubblicazione:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

GIRO D'ITALIA 2013, SECONDA TAPPA ISCHIA-FORIO (CRONOSQUADRE 17,4 KM): IL PERCORSO - E’ tutto pronto per la seconda tappa della 96esima edizione del Giro d’Italia. L'appuntamento di oggi ci porta tra le incantevoli strade dell'isola di Ischia per una cronosquadre di 17,4 chilometri. Partenza da Ischia e arrivo a Forio per quella che sarà la prima giornata importante per la classifica generale di questo Giro. Ogni squadra partirà con un intervallo di 3 minuti da quella che la precede, secondo un ordine crescente rispetto alla classifica: di conseguenza, quindi, a partire per ultimo sarà l'Omega Pharma-QuickStep, che con Mark Cavendish ha conquistato la maglia rosa dopo la prima tappa del Giro. La partenza avverrà in piazza Antica Reggia, mentre l'arrivo (l'ultima squadra dovrebbe farsi vedere verso le 17.15) è previsto in via Cristoforo Colombo a Forio. Andiamo però a vedere il percorso nel dettaglio: è composto da quattro brevi salite e altrettante discese. Si parte con una piccola salita (pendenza intorno al 4,5 per cento) e si prosegue su un'ampia carreggiata che si divide a Casamicciola Terme, dov'è stato fissato l'unico rilevamento cronometrico. Arrivati a Forio, i corridori dovranno svoltare a sinistra per affrontare l'ultimo piccolo strappo e, come fatto sapere dagli organizzatori, lungo il percorso saranno presenti anche diverse rotatorie. Attenzione poi agli ultimi 3 chilometri, molto tecnici: quando mancano 2.300 metri dall'arrivo i ciclisti svolteranno a destra, per poi affrontare una discesa e un'ulteriore svolta a destra in leggera contropendenza. A -1.300 metri ecco arrivare un'altra discesa (a dividere la carreggiata ci sarà uno spartitraffico), mentre a seguire ci saranno un tratto pianeggiante e, a soli 250 metri dal traguardo, una galleria illuminata che condurrà con una lieve pendenza in discesa all'arrivo. Un percorso impegnativo, non da classica cronometro. Servirà grande attenzione e una squadra compatta (il tempo viene preso sul quinto uomo). La Omega è tra le migliori in questo esercizio e Cavendish potrebbe difendere la maglia, anche se la battaglia più attesa sarà tra il Team Sky di Bradley Wiggins, l'Astana di Vincenzo Nibali e la Garmin-Sharp di Ryder Hesjedal. Anche se la strada sarà ancora lunghissima, questa sera inizieremo a capire qualcosa su questo Giro.



© Riproduzione Riservata.