BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

SERIE A/ Video, Chievo-Cagliari (0-0): sintesi e highlights (35esima giornata)

Il video di Chievo-Cagliari (0-0): la sintesi e gli highlights del primo anticipo della trentacinquesima giornata di serie A che si è giocato allo stadio Bentegodi di Verona

Alberto Paloschi (Infophoto)Alberto Paloschi (Infophoto)

Si conclude con un pareggio senza reti (0-0) il primo anticipo della trentacinquesima giornata di serie A che ha visto affrontarsi Chievo e Cagliari. Un pareggio che ha permesso ai gialloblu padroni di casa di salire a quota 40 punti in classifica, quella che da sempre viene considerata la soglia raggiunta la quale si può festeggiare la permanenza nella massima categoria anche nel prossimo campionato. Tre gradini più su, a quota 43 punti, troviamo i sardi del tandem formato da Pulga e Lopez: una salvezza raggiunta con ampio anticipo e pieno merito da parte del Cagliari, nonostante tutte le vicissitudini vissute durante questi mesi a causa delle vicende legate allo stadio di Is Arenas. Va detto subito che la partita non ha riservato grandi emozioni: sarà stato il caldo dovuto alla bella giornata di sole al Bentegodi, sarà che il pareggio andava bene ad entrambe le squadre per fare un altro passo in avanti nel loro tranquillo cammino verso la salvezza e dunque le motivazioni non erano certamente al massimo, le occasioni da gol si sono contate sulle dita di una mano e probabilmente ha avuto ragione chi non si è presentato sugli spalti - non molto affollati - dello stadio veronese. Comunque, andiamo ad analizzare la partita Chievo-Cagliari attraverso le statistiche ufficiali che ci vengono come sempre fornite dalla Lega di Serie A. Leggera supremazia da parte degli ospiti per quanto riguarda il possesso palla (53% Cagliari), che si ripercuote anche sul numero di palloni giocati (626 per i sardi contro i 512 per il Chievo). I padroni di casa rispondono con una supremazia piuttosto netta per quanto riguarda il numero dei calci d'angolo (7-2) e con una supremazia territoriale che è stata di oltre dieci minuti contro i sette scarsi dap arte del Cagliari.

Gli opposti dati si annullano nella sostanziale parità del numero di tiri totali (10-9 Chievo), ma quello che sconforta è il numero dei tiri in porta, che sono stati solamente due nel corso di tutto l'incontro, uno per parte. Se ci vogliamo esprimere tramite le percentuali della pericolosità degli attacchi, abbiamo uno sconfortante 23,9% per il Chievo, e un 28,7% per il Cagliari che è leggermente superiore ma di certo non basta per legittimare una superiorità che in effetti non c'è stata. Uno 0-0 a dir poco sacrosanto, e la certezza che questa partita verrà presto dimenticata.
 Queste sono state le parole al termine della partita contro il Cagliari da parte del difensore del Chievo Dario Dainelli, che è stato premiato da Sky come uomo-partita (e anche questo è un segnale di uno 0-0 senza emozioni): "C'era un po' di tensione, queste sono gare importanti per noi. Sono punti pesanti e questa tensione si fa sentire quando c'è bisogno dell'ultimo passaggio. Credo il problema sia stato questo, la volontà da parte nostre c'è stata. Con Corini alla fine della partita ci siamo chiesti il motivo dei fischi. Noi ci facciamo un applauso. Poi quello che vorrà fare il pubblico - che siano applausi o fischi - dipenderà da loro". Queste invece le parole del mister Eugenio Corini: "Arrivare a 40 punti per il Chievo è straordinario ogni anno. I miei ragazzi sono stati straordinari. Oggi abbiamo affrontato una squadra che reputo di livello superiore, va bene così. Il pubblico ha fischiato, ma io non dimentico in che situazione eravamo quando sono arrivato, e credo che per il Chievo essere arrivato a 40 punti con tre giornate d'anticipo meriti applausi".