BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GIRO D'ITALIA 2013/ Terza tappa, Sorrento-Marina di Ascea (222 km): il percorso

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

GIRO D'ITALIA 2013, TERZA TAPPA SORRENTO-MARINA DI ASCEA (222 KM): IL PERCORSO – Terzo giorno in Campania per il Giro d'Italia, che in questa edizione numero 96 dedica grande spazio a questa regione. Oggi per la prima volta i ciclisti sono attesi da una tappa con chilometraggio lungo: la Sorrento-Marina di Ascea misurerà infatti ben 222 km. Lunghezza da non sottovalutare per un percorso globalmente non difficilissimo, ma certamente insidioso. Si attraverseranno località meravigliose della costa campana, partendo appunto da Sorrento e poi tutta la Costiera amalfitana, il passaggio dal capoluogo Salerno, dove sarà posto il primo traguardo volante della tappa al km 69,8, e poi Paestum, Agropoli (altro traguardo volante al km 113,9), Santa Maria di Castellabate – località celebre grazie al film Benvenuti al Sud – e poi il Cilento. I ciclisti però non potranno godersi molto il panorama, perché il percorso si annuncia mosso fin dai primi chilometri sulle strade della Costiera, ed ancor di più nel Cilento, dove la corsa affronterà ben due Gran Premi della Montagna: il primo sarà quello di San Mauro Cilento (km 153), salita vera – Gpm di seconda categoria – anche se non durissima, e poi il Gpm di terza categoria di Sella di Catona, salita più dolce ma che potrebbe risultare determinante per gli attacchi visto che è posto al km 202,2, dunque a soli 20 km dal traguardo. La parte finale è quasi tutta in discesa, a cui andrà prestata attenzione visto che presenta diversi punti molto tecnici e si presta dunque ad altri attacchi, specie se dovesse esserci pioggia (le previsioni meteo sono ancora incerte). Partenza alle ore 11.40, arrivo circa alle ore 17.15. Difficile arrivare in volata, la tappa si presta agli attaccanti: i big non dovrebbero muoversi (anche se è possibile qualche imboscata), sono attesi scattisti veloci come Giovanni Visconti e Mauro Santambrogio. Di certo nessuno potrà sottovalutare la tappa.

 

(Mauro Mantegazza)

< br/>
© Riproduzione Riservata.