BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Volley / World League, Cantagalli: l'Italia manca di continuità, guai a sottovalutare Cuba (esclusiva)

LUCA CANTAGALLI presenta Italia-Cuba, partita che questa sera a Torino aprirà il secondo weekend del gruppo B della World League 2013 di pallavolo maschile: in campo gli azzurri di Berruto

InfophotoInfophoto

Riparte da Torino l'avventura degli azzurri di Mario Berruto nella World League. Stasera alla 20.00 l'Italia del volley maschile scenderà in campo contro Cuba per la prima delle due partite (la seconda sarà domenica) del secondo weekend del girone B. Nel primo weekend di gare Savani e compagni hanno raccolto cinque punti con due successi contro la Germania, l'ultimo dei quali al tie-break, in rimonta. Cuba invece ha collezionato due sconfitte contro la Serbia. La nazionale caraibica è costituita da giocatori giovani, con tanti esordienti, è quindi una squadra che manca d'esperienza, anche se il talento non manca certo ai suoi uomini. L'Italia ha necessità di vincere contro Cuba per incamerare altri punti importanti per la sua classifica, dal momento che per la fase finale (che l'Italia non vince dal 2000) si qualificano soltanto le prime due squadre di ogni gruppo da sei. Non bisogna pensare alla World League solo come test per gli Europei. L'obiettivo dovrebbe essere quello di puntare a vincerla, Brasile e Russia permettendo. Per presentare Italia-Cuba abbiamo sentito Luca Cantagalli. Eccolo in questa intervista esclusiva per IlSussidiario.net.
Come giudica le due prestazioni dell'Italia con la Germania? Devo dire che ho visto solo la prima partita e l'unico problema è che l'Italia ha giocato contro una Germania che non si è espressa ai massimi livelli, ha giocato sottotono.
Qual è stata la nota più positiva? L'Italia giocato molto bene in battuta e in ricezione. Sono state queste le armi vincenti della Nazionale di Berruto.
E in cosa siamo mancati? Abbiamo avuto troppi alti e bassi, non siamo stati costanti, abbiamo difettato un po' nella continuità del rendimento.
Ora incontreremo due volte Cuba, sconfitta due volte dalla Serbia: test attendibile? Di Cuba so che è una Nazionale giovane, piena di volti nuovi, e che quindi sta cercando ancora un'intesa tra i vari reparti.
Quali saranno le difficoltà di questi incontri? Il rischio per la Nazionale italiana sarà quella di sottovalutare gli incontri con Cuba, e questo sarebbe molto grave. Potrebbe portare gli azzurri a qualche sorpresa negativa.
Che valore ha la World League in questa stagione? Dico solo che non dobbiamo trascurarla o prenderla soltanto come un test di preparazione agli Europei.
Dove potremo arrivare in questa manifestazione? L'importante sarà avere la mentalità vincente: bisognerà puntare senza mezzi termini a vincerla, a giocare per ottenere il massimo risultato.
Qual è la squadra favorita per il successo finale? Metto in prima fila la Russia, poi c'è il Brasile secondo me. L'Italia avrà comunque le sue carte da giocare. Speriamo che le sfrutti fino in fondo. (Franco Vittadini)

© Riproduzione Riservata.