BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Europei Under 21 / Italia-Olanda, Cordolcini: loro hanno più esperienza, decisivo avere Insigne (esclusiva)

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

ITALIA-OLANDA (SEMIFINALE EUROPEO UNDER 21): LA PRESENTAZIONE DI ALEC CORDOLCINI (ESCLUSIVA) – Questa sera grande appuntamento con le semifinali degli Europei Under 21 che si stanno disputando in Israele. Alle ore 20.30 allo stadio di Petah Tikva si gioca Italia-Olanda, anche se il programma sarà aperto da Spagna-Norvegia a Netanya alle 17.30. Partita difficile tra due squadre fra le più forti a livello internazionale. L'Italia del c.t. Devis Mangia ha vinto con pieno merito il girone A, mettendo in mostra un gioco sempre piacevole grazie ai tanti giocatori di qualità in avanti, ma anche una notevole solidità difensiva. Sarebbe importante poter schierare Lorenzo Insigne, il cui recupero sarebbe essenziale per poter mettere in difficoltà la difesa olandese, che già nel girone è stata il punto debole degli Orange. L'Olanda infatti è fortissima in avanti, con tanti giocatori che hanno già esperienza nelle Coppe europee e in Nazionale maggiore, ma ha subito ben 6 gol in tre partite. Il pronostico è comunque incerto, perché entrambe le formazioni sono capaci di fare molto bene, e quindi si tratta della classica partita aperta a ogni risultato. In palio c'è un posto nella finale che si giocherà martedì. Una vittoria degli azzurrini sarebbe il segno di una prova di maturità del nostro calcio giovanile. Per presentare Italia-Olanda abbiamo sentito il giornalista Alec Cordolcini. Eccolo in questa intervista esclusiva per IlSussidiario.net.
Come andrà affrontata questa partita? L'Italia dovrà giocare come ha sempre fatto in questi Europei, fornire un gioco propositivo ovviamente stando attenta a curare anche la fase difensiva. 
Cosa fa più paura degli olandesi? L'esperienza che hanno. Sono tutti giocatori titolari nelle loro squadre di club, tranne il portiere. Ci sono 10 calciatori che hanno già partecipato a incontri nelle Coppe europee e hanno debuttato in Nazionale A. C'è poi il caso di Strootman, un giocatore molto forte e che piace a tante formazioni importanti del calcio mondiale.
Chi saranno i giocatori su cui puntare? Soprattutto Insigne, che è un giocatore in grado di fare la differenza: il suo recupero sarebbe fondamentale per questa semifinale. L'altro è Gabbiadini, un attaccante che si è espresso molto bene. Mi hanno deluso invece Destro e Immobile.
Quali potrebbero essere invece le nostre lacune? L'Italia dovrà evitare di chiudersi, spostando il baricentro del suo gioco indietro. L'Olanda è una formazione molto forte dal centrocampo in su, e questo potrebbe essere negativo per noi.
Come schiererebbe l'attacco, specie se Insigne non recupererà? Farei giocare Gabbiadini e Immobile. Questa sarebbe per me la coppia di attaccanti meglio assortita da mettere in campo.
Qual è il suo pronostico? Darei il 50% ciascuno di percentuale di passaggio del turno. L'Olanda però ha più esperienza a livello internazionale. Quindi se dovessi indicare una squadra favorita direi la formazione Orange.
Spagna nettamente favorita contro la Norvegia? No, direi di no. La Spagna è senz'altro favorita, ma la Norvegia avrà le sue chance. Intanto ha eliminato a sorpresa nei playoff la Francia. Nel girone poi ha pareggiato con Israele con un uomo in meno e ha vinto abbastanza facilmente con l'Inghilterra. Contro l'Italia ha giocato bene, portando a casa un pareggio molto positivo. (Franco Vittadini)



© Riproduzione Riservata.