BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Diretta Italia-Messico / Balotelli-show dai 35 metri! La partita di Confederations Cup

Diretta, Italia-Messico live: è l'esordio degli Azzurri nella Confederations Cup, si tratta della terza partecipazione alla manifestazione vinta dal Messico nel 1999. Balotelli show

Foto InfophotoFoto Infophoto

E' grande atmosfera al Maracanà di Rio di Janeiro: lo stadio, come annunciato dalla FIFA, è tutto esaurito. Buffon e Francisco Rodriguez si sono scambiati i gagliardetti, si sono stretti la mano (saluti naturalmente anche ad arbitro e collaboratori) e hanno raggiunto le loro rispettive squadre. Italia in maglia bianca con banda orizzontale azzurra sulla parte superiore, calzoncini bianchi e calzettoni bianchi; Messico in maglia verde con strisce bianche sulle maniche, calzoncini e calzettoni rossi. Javier Hernandez come al solito prega per trovare la concentrazione necessaria. Si parte: il primo pallone lo tocca il Messico che prova il lancio lungo, Barzagli attento copre e cerca subito Balotelli, chiuso dalla difesa messicana. Importante vedere come starà Super Mario, che ha recuperato all'ultimo da un acciacco. In fase di possesso palla sono Giaccherini e Marchisio a portare il primo pressing. Nemmeno un minuto sul cronometro e l'Italia entra nell'area avversaria: ci prova Giaccherini dalla sinistra, ma viene fermato. Il Messico risponde: Guardado dalla distanza, ma il suo sinistro esce masticato e si spegne sul fondo. Nei primi minuti sono i nostri avversari ad avere più coraggio: De La Torre ha dato istruzioni di non far respirare i nostri palleggiatori e i giocatori eseguono, tenendo sempre alta la linea del pressing e impedendo a Pirlo di ragionare. Gli Azzurri però riescono a essere potenzialmente insidiosi ogni volta che arrivano sulla trequarti: al 4' De Rossi cerca Giaccherini a sinistra, ma il centrocampista della Juventus è in fuorigioco di pochi centimetri. Qualche secondo dopo Balotelli approfitta di un errore messicano nel cambio di gioco e prova a sorprendere Corona da 35 metri: palla fuori misura. Buoni ritmi comunque, a dispetto del caldo: il Maracanà reagisce di conseguenza, si preannuncia grande spettacolo(clicca qui per sapere dove guardare la diretta di Italia-Messico in streaming).
Stadio mitico: per quasi tutti gli stranieri, ma anche per gli stessi brasiliani, questo impianto rappresenta il calcio in Brasile. Il nome ufficiale sarebbe Estadio Jornalista Mario Filho: la capienza è di 78.838 spettatori, dopo i lavori che hanno portato alla riduzione dei posti a disposizione che ai tempi d'oro toccava addirittura i 165.000 spettatori. Ce n'erano 199.854 quando nel 1950 i verdeoro persero 2-1 contro l'Uruguay, che si aggiudicò la Coppa del Mondo: ci furono addirittura sette suicidi da quanta era l'attesa. Per l'Italia non sarà la prima volta in Brasile: per la precisione, è la terza volta che gli Azzurri vanno nella terra del Futebol Bailado. Dall'ultima, è passato tanto tempo: nel 1956 perdemmo 2-0 in amichevole proprio contro il Brasile, una Nazionale che stava diventando grande e che dopo due anni avrebbe vinto i Mondiali in Svezia.
I nostri, allenati da una Commissione tecnica della Federazione (episodio che accadde ancora e sul quale bisognerebbe soffermarsi in altra sede), non avevano tra le loro fila nomi troppo altisonanti (si ricordano Cervato e Muccinelli oltre a Montuori e Prini), eppure nemmeno tre mesi prima, a Milano, avevamo rifilato un 3-0 alla stessa squadra. L'altro precedente azzurro in Brasile risale alla Coppa del Mondo del 1950. Allenati da Ferruccio Novo (già presidente del Grande Torino), i nostri presero parte al gruppo 3, con Svezia, Paraguay e India, che però si ritirò dalla competizione. Finì male: nelle due partite al Pacaembù perdemmo 3-2 contro la Svezia (reti di Carapellese e Muccinelli) e battemmo 2-0 il Paraguay (Carapellese e Pandolfini), ma il pareggio per 2-2 tra Svezia e Paraguay ci estromise dalla fase finale, che era quel famoso girone a quattro vinto infine dall'Uruguay grazie alla vittoria (2-1, in rimonta) del 16 luglio. La terza volta in Brasile andrà meglio per l'Italia? Lo scopriremo presto, o almeno inizieremo a farlo: la diretta di Italia-Messico sta per cominciare…