BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Europei Zagabria 2013 / Scherma, Elisa Di Francisca oro nel fioretto

Medaglia d'oro per Elisa Di Francisca: la jesina ha superato nella finale del fioretto, agli Europei di Zagabria, la russa Yakovleva, allenata dall'ex maestro Stefano Cerioni

Foto Infophoto Foto Infophoto

Chi poteva essere se non Elisa Di Francisca a mettere al collo dell'Italia la prima medaglia di questi Europei di scherma di Zagabria? La jesina vince la finale del fioretto, ma non si pensi che sia stato facile: anzi, Elisa ha dovuto sudarselo questo oro, giunto dopo una stagione non proprio esaltante e a seguito di gironi che le avevano fatto pensare "a che lavoro fare dopo la scherma: la gelataia o la parlamentare". Poi Elisa si è ripresa, da campionessa qual è: nei quarti il derby contro Arianna Errigo, riedizione della finale olimpica e terminata allo stesso modo (ma più nettamente: 15-5 il punteggio finale). In semifinale la sfida più complicata: contro la francese Thibus è finita 15-12 e la Di Francisca è volata all'ultimo atto. Il destino le ha messo di fronte la Yakovleva, ovvero una schermidrice allenata dal vecchio maestro, Stefano Cerioni. "Mi sono detta: è ora di superare questo scoglio, basta essere deboli". E così è stato: il successo è arrivato addirittura in maniera palese, un 15-7 senza la minima storia che ha riportato Elisa sul trono. "Dedico l'oro ad Alessia Polita", ha detto Elisa a fine gara, "è jesina come me, la conosco bene". Alessia è la ragazza caduta in moto durante le prove del CIV e che rimarrà paralizzata agli arti inferiori"Per me la vittoria conta tanto: ho capito dopo qualche stoccata che ero di nuovo io". Male invece la spada italiana: Matteo Tagliariol è stato eliminato agli ottavi ed è stato molto critico con se stesso ("non si può andare avanti così"), addirittura fuori ai sedicesimi Paolo Pizzo; alla fine il risultato migliore lo ha centrato Enrico Garozzo, una delle nuove leve, eliminato da Jerent ai quarti di finale. Oggi si prosegue: intanto, la Di Francisca è già proiettata ai Mondiali di Budapest (in agosto).

© Riproduzione Riservata.