BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Probabili formazioni / Italia-Spagna: ultime novità (Europei Under 21, finale)

Foto Infophoto Foto Infophoto

FORMAZIONE SPAGNA - Julen Lopetegui è arrivato in finale vincendo tutte le partite e senza subire gol; ma non si fida dell'Italia. "E' difficile giocare contro di loro", ha detto in conferenza stampa, "difensivamente hanno tanta qualità, ma hanno anche fisico e tattica, attaccano molto bene, con qualità e creano occasioni, con singoli importanti in ogni reparto. Noi continuiamo a lavorare come gruppo, ma ogni giocatore preso come singolo è importante". E infatti, il CT della Spagna ne nomina uno, forse il più rappresentativo: "Isco non gioca per sè, ma lavora per la squadra. Sono felice che sia in ottima forma e che ci stia dando una mano, in finale saremo un gruppo unito. E' nelle nostre mani, dobbiamo lavorare e giocare come so che sappiamo fare. Pensiamo a noi, non all'Italia; li rispettiamo molto, hanno anche un grande allenatore. Sarà dura". E' un 4-2-3-1 rodato quello di Lopetegui, con tanti giocatori esperti e che non nel giro della nazionale maggiore. David De Gea gioca nel Manchester United, è già stato decisivo per la vittoria dell'Europa League con l'Atletico Madrid, è considerato uno dei portieri giovani più affidabili pur avendo qualche problemino nelle uscite. Linea difensiva con Martin Montoya, cercato dall'Inter, terzino destro e Moreno, che gioca nel Siviglia, a sinistra. Coppia centrale con Inigo Martinez della Real Sociedad e Marc Bartrà, anche lui prodotto della cantera del Barcellona e titolare in una semifinale di Champions League - pur se finita male. A centrocampo, la cerniera è composta da Koke, elemento centrale anche nell'Atletico Madrid, e Illaramendi, della Real Sociedad con cui ha raggiunto i preliminari di Champions League. Con le mezzepunte troviamo qualità ed esperienza da vendere: Cristian Tello è stato più volte titolare nel Barcellona (Guardiola stravedeva per lui), poi ci sono Thiago Alcantara (il padre, Mazinho, è stato campione del mondo con il Brasile), un 1991 che nel Barcellona non gioca sempre solo perchè chiuso da due che si chiamano Xavi e Iniesta; e infine Isco, uomo mercato dell'estate, destinato forse al Manchester City ma cercato da mezza Europa. La punta è meno conosciuta ma non per questo meno letale: Rodrigo, brasiliano naturalizzato del Benfica, ha la media di un gol a partita quando indossa la maglia dell'Under 21.

PANCHINA SPAGNA - Anche qui tante scelte di qualità, come Marc Muniesa, perno difensivo del Barcellona, ennesimo talento sfornato dalla cantera blaugrana; o come Sarabia del Getafe, o Ignacio Camacho leader di centrocampo del Malaga. Il nome più conosciuto è forse quello di Iker Muniain, uno dei ragazzini terribili dell'Athletic Bilbao di Bielsa, che quest'anno non ha ripetuto la grande stagione passata ma resta un giocatore di grande qualità. C'è Morata, già protagonista nella prima squadra del Real Madrid, e anche Sergio Canales, che Mourinho aveva fortemente voluto alle Merengues dove però non ha avuto spazio; oggi gioca nel Valencia.

INDISPONIBILI SPAGNA - Lopetegui è arrivato alla finale senza indisponibili: nessuno squalificato, nessun infortunato, dunque ha potuto operare le scelte migliori per questa partita.

CLICCA SUL PULSANTE > QUI SOTTO PER LO SCHEMA CON IL MODULO DI PARTENZA E LE PROBABILI FORMAZIONI DI ITALIA-SPAGNA (EUROPEI UNDER 21, FINALE)