BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Diretta / Brasile-Messico live: la partita comincia (Confederations Cup)

Diretta, Brasile-Messico: la partita. Seconda giornata del gruppo A di Confederations Cup, i verdeoro hanno vinto contro il Giappone mentre il Messico ha perso contro l'Italia

Foto Infophoto Foto Infophoto

DIRETTA BRASILE-MESSICO: LA PARTITA - Si gioca questa sera alle 21 Brasile-Messico, partita valida per la seconda giornata della Confederations Cup 2013. Siamo a Fortaleza, nello stato Cearà: inaugurato nel 1973, all'inizio del 2013 sono terminati gli ultimi restauri in vista di questo torneo. Ci giocano il Cearà e il Fortaleza e ospita poco meno di 65.000 spettatori. La partita rischia di essere già decisiva per entrambe le squadre: come noto la formula del torneo prevede che solo le prime due squadre di ogni girone accedano alle semifinali. Il Brasile ha vinto la sua prima partita, il Messico ha perso: se questa sera i verdeoro dovessero nuovamente vincere sarebbero certi della qualificazione in caso il Giappone non andasse al di là del pareggio contro l'Italia, viceversa il Messico sarebbe eliminato qualora gli Azzurri facessero un punto. Tutto aperto invece in caso di vittoria dei ragazzi di De La Torre, che renderebbero la partita del Brasile contro l'Italia una sorta di spareggio. I precedenti tra le due squadre sono 29: ben 18 le amichevoli, ma ci sono anche 6 partite di Copa America, 3 ai Mondiali e 3 anche in Confederations Cup. 17-7 le vittorie a favore del Brasile, ma in questo torneo il Messico ha vinto due volte contro l'affermazione del Brasile, 3-2 nella finale del 1997. Due anni dopo invece Messico vincitore in finale, 4-3 roboante con grande protagonista Cuahtémoc Blanco, uno degli idoli del Paese. Il precedente più recente è quello delle Olimpiadi 2012: ancora una volta una finale, le squadre erano molto simili a quelle che si affrontano questa sera (clicca qui per le probabili formazioni) e a sorpresa il Messico si impose per 2-1, impedendo ancora una volta al Brasile di vincere la medaglia d'oro. 
CLICCA QUI PER LA DIRETTA DI BRASILE-MESSICO (CONFEDERATIONS CUP): SEGUI E COMMENTA LA PARTITA IN TEMPOREALE
Il Brasile ha vinto la prima partita, quella contro il Giappone. E' stato un netto 3-0, reti di Neymar, Paulinho e Jo: una vittoria che era annunciata, e che ci ha detto della forza di una squadra che forse non ha l'aura di imbattibilità di certe formazioni del passato; senza scomodare le leggende del 1958, del 1970 e del 1982, questo Brasile appare meno forte, sicuramente più giovane e inesperto. Tuttavia, la storia ha già insegnato che nazionali che avrebbero dovuto dominare hanno fallito, e allora è molto meglio - e lo sa anche Felipe Scolari - tenere un profilo leggermente più basso, pur sapendo che tra un anno ci sono i Mondiali in casa e si vuole evitare un altro 1950, quando davanti ai quasi 200.000 del Maracanà i verdeoro hanno perso contro l'Uruguay, una tragedia sportiva così grande che ci furono addirittura dei suicidi. La stella della squadra è il neo Barcellona Neymar, ennesimo calciatore che viene accostato a Pelè (il quale in merito ha dichiarato "un altro come me non ci sarà mai"); ma dietro di lui ci sono degli elementi molto interessanti, già protagonisti nei principali campionati, aiutati dall'esperienza dei vari Julio Cesar e Thiago Silva. Il Messico invece è sostanzialmente la squadra che ha vinto le Olimpiadi lo scorso anno: una formazione di sicuro talento, con giocatori che ormai sono veterani (è il caso di Salcido, il terzino sinistro) e giovani che hanno già mostrato di poter essere una generazione in grado di ricalcare quella degli anni Novanta, che centrò ottimi risultati anche ai Mondiali. Contro l'Italia, si è visto chiaramente, è mancata un po' di esperienza; tuttavia, la formazione guidata da De La Torre ha ampiamente mostrato di essere competitiva grazie a giocatori come Giovani Dos Santos, cresciuto nel Barcellona ma poi scaricato anche a causa di qualche problema di testa; Javier Hernandez, attaccante del Manchester United in procinto forse di lasciare Old Trafford; e Andres Guardado, considerato un potenziale fenomeno quando giocava nel Deportivo La Coruna, oggi 27enne e comunque titolare nella Liga (con il Valencia). Naturalmente questa sera contro il Brasile non si parte favoriti, ma il colpaccio lo hanno già fatto una volta e hanno tutta l'intenzione di replicare. Vedremo presto come andrà a finire, ora la parola passa al campo: la diretta di Brasile-Messico sta per cominciare…

CLICCA SUL PULSANTE > QUI SOTTO PER LA DIRETTA DI BRASILE-MESSICO: SEGUI E COMMENTA LA PARTITA IN TEMPOREALE