BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Diretta / Spagna-Tahiti live: la partita comincia! (Confederations Cup)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

DIRETTA SPAGNA-TAHITI: LA PARTITA - Si gioca questa sera alle 21 Spagna-Tahiti, partita valida per la seconda giornata del gruppo B di Confederations Cup. Esito scritto: resta solo da capire se le Furie Rosse vorranno infierire sui polinesiani, magari cercando di divertirsi un po', o se invece alzeranno il piede dall'acceleratore una volta centrato l'obiettivo. Siccome potrebbe esserci in ballo la differenza reti è probabile che si cercherà comunque di superare quanto fatto dalla Nigeria (che ha vinto 6-1); infatti, se le Super Aquile dovessero vincere anche questa sera diventerebbe decisivo lo scontro diretto dell'ultima giornata per stabilire il primo posto nel girone, e in caso di arrivo a pari punti sarebbe la differenza reti a decretare la classifica finale. Per quanto riguarda Tahiti, è stato detto tutto prima dell'esordio in Brasile: è già un miracolo essere qui, a giocarsi un torneo di proporzioni internazionali, con copertura tv in tutto il mondo e stadio pieni, perchè la realtà quotidiana parla di poche centinaia di spettatori quando va bene. Naturalmente si tratta del primo precedente nella storia: Tahiti non ha sostanzialmente mai messo piede fuori dall'Oceania, nè la Spagna organizza amichevoli internazionali contro squadre che non rappresenterebbero un test troppo probante. Va detto comunque che, se i numeri della Spagna sono impressionanti, Tahiti ha detenuto un record per trent'anni: la vittoria con maggior scarto della storia, un clamoroso 30-0 ottenuto nel 1971 contro le Isole Cook. Peccato che il primato non ci sia più, soffiato dall'Australia che battè 31-0 le Samoa Americane nel 2001.
CLICCA QUI PER LA DIRETTA DI SPAGNA-TAHITI LIVE: SEGUI E COMMENTA LA PARTITA IN TEMPOREALE
La Spagna è imbattuta da 23 partite: 19 vittorie, 4 pareggi. Una striscia lunghissima, che ha portato a successi che mai nella storia erano arrivati. E' la prima nazionale di sempre ad aver vinto tre grandi tornei consecutivamente: Europeo 2008 (con Aragones CT), Mondiale 2010, Europeo 2012. Un dominio che per il momento non accenna ad esaurirsi, perchè i giocatori di quel ciclo sono ancora in campo oggi e ad essi si aggiungono i nuovi, che emergono dai vivai (la Spagna ha vinto le ultime due edizioni dell'Europeo Under 21). Manca solo la Confederations Cup, mai vinta anche perchè giocata non troppe volte. L'esordio non è stato niente male: vittoria 2-1 contro l'Uruguay, grazie alle reti di Pedro e Soldado. La formazione messa in campo da Del Bosque è sostanzialmente la stessa che ha vinto l'Europeo un anno fa: il centrocampo, privo di Xabi Alonso, è sempre quello imperniato sul Barcellona, dietro ci sono Pique e Sergio Ramos, i giocatori ad essere cambiati con maggiore frequenza sono essenzialmente i terzini, mentre davanti se anche non c'è più una grande tradizione di bomber (ma David Villa detiene il record di gol in Nazionale) ci sono calciatori che possono essere letali. Questa sera naturalmente il CT apre al turnover (clicca qui per le probabili formazioni): anche con le riserve i rapporti di forza restano clamorosamente impari. Non può essere altrimenti, se è vero che Tahiti, che ha giocato la sua prima partita ufficiale solo nel 1952 (contro la Nuova Zelanda) raramente si è affacciata alle competizioni internazionali, anzi mai. E' però piuttosto competitiva nel suo continente, dove ha vinto la Coppa delle Nazionali Oceaniche (ed è il motivo per cui è qui in Brasile) e per tre volte ha centrato il secondo posto. Che si potesse perdere 1-6 contro la Nigeria era decisamente preventivabile: tutti i calciatori della rosa sono dilettanti con l'eccezione di uno, che non ha certo giocato in campionati competitivi. Come detto, è già un successo essere qui, e il gol segnato da Jonathan Tehau è stato salutato praticamente come una festa nazionale. Eddy Etaeta, CT della squadra, ha chiesto di non essere umiliato: da vedere come risponderà la Spagna, ma i giocatori polinesiani saranno contenti anche di poter stringere la mano a Xavi e Iniesta, e magari portarsi a casa la loro maglia. Roba da raccontarlo ai nipotini; ora non resta che dare la parola al campo e vedere come finirà: Spagna-Tahiti sta per cominciare…

CLICCA SUL PULSANTE > QUI SOTTO PER LA DIRETTA DI SPAGNA-TAHITI LIVE: SEGUI E COMMENTA LA PARTITA IN TEMPOREALE


  PAG. SUCC. >