BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Probabili formazioni / Nigeria-Uruguay: ultime novità (Confederations Cup, gruppo B)

Foto Infophoto Foto Infophoto

Oscar Tabarez non ha parlato moltissimo in conferenza stampa, ma è stato chiaro: "Non cambia niente, anche se abbiamo perso contro la Spagna: avevo già detto che la partita decisiva sarebbe stata la seconda, e se battiamo la Nigeria sarà molto più probabile raggiungere la semifinale. Se perdiamo siamo fuori, se pareggiamo sarà qualcos'altro. Perciò, per noi quella contro la Nigeria è una finale e stiamo pensando solo a questa partita". La formazione l'ha già data il CT: si cambia rispetto alla Spagna, viene rispolverato Diego Forlan e quindi il tridente, con Cavani che torna a giocare largo a destra e Luis Suarez a sinistra (a meno che non sia Forlan a muoversi come riferimento centrale). E' un 3-4-3: Caceres stringe la posizione e gioca insieme a Godin e Lugano, Maxi Pereira e Cristian Rodriguez avanzano a centrocampo sugli esterni con Arevalo Rios e Alvaro Gonzalez in mezzo. Dovrebbe essere una formazione più votata all'attacco: all'esordio, le Furie Rosse non avevano quasi fatto vedere il pallone alla Celeste.

Armi importanti anche dalla panchina: Coates è un difensore ancora giovane e con enormi margini di crescita (a Liverpool ha giocato pochino), lo stesso discorso vale per Nicolas Lodeiro che è un po' sparito dai radar fino a finire in Brasile con il Botafogo (è un '89). Poi Abel Hernandez, alla ricerca del riscatto dopo la stagione sciagurata con un altro infortunio, Gaston Ramirez reduce dal campionato positivo con il Southampton, Aguirregaray passato da Palermo senza troppe fortune, il veterano Andres Scotti, Walter Gargano e Sebastian Eguren, due stagioni al Villarreal con cui ha giocato la Champions League. 

Tutti a disposizione di Tabarez e, a conti fatti, Lugano e Cavani che sono diffidati potrebbero anche andare in cerca di un giallo che faccia loro saltare Tahiti ma non la semifinale. Certo: non si potrebbe fare, ma dovesse capitare un contrasto siamo sicuri che non tirerebbero indietro la gamba, nei limiti della sportività.