BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Probabili formazioni / Spagna-Tahiti: ultime novità (Confederations Cup, gruppo B)

Foto Infophoto Foto Infophoto

Il grido è arrivato forte: "Non umiliateci". Eddy Etaeta lo aveva già detto appena sbarcato in Brasile: la sua Nazionale è già contenta di essere qui, prima della partita contro la Nigeria i suoi giocatori hanno passato minuti su minuti a fare foto allo stadio, al campo, a tutto. "Non abituatevi: non durerà", aveva saggiamente ammonito il CT. Stasera però i polinesiani sono al Maracanà, un sogno enorme per loro. "L'obiettivo della Spagna non è segnarci molti gol", ha avvisato Etaeta, e potrebbe avere ragione; ma bisognerà vedere come finirà. Il consiglio ai giocatori tahitiani del mister? "Fare le cose semplici. I miei non sono abituati a queste cornici, hanno tutti meno di 25 anni e solo uno di loro è un calciatore professionista". Cioè Vahirua, che questa sera gioca esterno a sinistra nel tridente. Sempre che i ruoli contino qualcosa: all'esordio, abbiamo visto un certo disordine tattico. Ad ogni modo, almeno sulla carta si dovrebbe trattare di un 4-3-3, con Samin in porta protetto da uno dei tanti Tehau in rosa, quel Jonathan che è già eroe nazionale per aver segnato contro la Nigeria (e pazienza se c'è stata anche l'autorete), Lemaire, Ludivion e Simon che compongono la linea difensiva. A centrocampo Atani, poi Bourebare che sarà il regista centrale e primo impostatore della manovra, quindi Caroine. Davanti, oltre a Vahirua, agiscono Chong Hue al centro e un altro Theau, Alvin.

Nomi ovviamente scxonosciuti: altri due Theau, poi Vallar, Aitamai, Hnanyine. Giocatori che aspettano soltanto la possibilità di mettere piede sul prato del Maracanà, e poter raccontare a figli e nipoti di aver giocato contro la Spagna campione di tutto. Non c'è che dire: una bella soddisfazione, forse anche solo sedersi in panchina e guardare quello che succede.

Etaeta è arrivato senza indisponibili a questa partita, nè per il momento ci sono diffidati.