BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calciomercato Sampdoria / Il ds Osti: Rebic fuori budget, De Silvestri? C'è tempo

Il direttore sportivo della Sampdoria Carlo Osti ha fatto il punto su alcune trattative di calciomercato che riguardano i blucerchiati, in particolare Ante Rebic e Lorenzo De Silvestri

Foto Infophoto Foto Infophoto

A TeleNord è intervenuto il direttore sportivo della Sampdoria Carlo Osti, per fare il punto su alcune trattative di calciomercato che riguardano i blucerchiati. In particolare, i riferimenti sono a tre calciatori di cui due potrebbero essere in uscita. Il primo è Hector Romero, il portiere argentino che è infortunato e quindi è incerto riguardo i tempi di recupero, il rientro in squadra e la disponibilità per il ritiro. "Sarà pronto", ha detto di lui Osti, "la cosa non sembra essere grave e non penso ci saranno problemi, ad ogni caso il dottor Baldari ha ricevuto i referti e sta valutando la situazione". Poi c'è la situazione legata a Lorenzo De Silvestri, che dovrebbe tecnicamente rientrare alla Fiorentina ma potrebbe restare a Genova: "Vogliamo tutti che la squadra sia completata al più presto, ma il calciomercato chiude il 2 settembre e quindi c'è ancora tempo. Sappiamo che dovremo ancora intervenire e De Silvestri potrebbe fare al caso nostro"

L'ultimo punto riguarda Ante Rebic, calciatore croato che gioca nel RNK Spalato ed è attualmente impegnato nel Mondiale Under 20. Parma e Roma lo avevano cercato già lo scorso gennaio, senza tuttavia riuscire a chiudere; ora la Sampdoria potrebbe farci un pensiero, perchè il suo è un profilo che piace, un calciatore giovane che può crescere e maturare in un ambiente senza particolari pressioni dove già altri talenti in erba sono venuti fuori in maniera importante (come Andrea Poli e Pedro Obiang). Osti però ha escluso la possibilità che Rebic possa trasferirsi a Genova: "E' fuori budget per noi, lo seguiamo da qualche anno ma al momento è fuori portata. Dispiace, perchè è un attaccante giovane e molto forte". Purtroppo le squadre croate sono una bottega cara, e forse lo saranno ancora di più adesso che entrano nell'Unione Europea. Il futuro di Rebic potrebbe essere comunque in Italia, anche se il Parma ha chiuso per Antonio Cassano e non avrebbe molto spazio in attacco per il gioiellino.

© Riproduzione Riservata.