BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Tour de France 2013 / La cronaca della seconda tappa (Bastia-Ajaccio)

Ad Ajaccio vince Jan Bakelants: il belga batte in volata il temutissimo Peter Sagan e si prende anche la maglia gialla almeno per un giorno. La cronaca della giornata, domani ancora Corsica

Foto InfophotoFoto Infophoto

Le notizie al termine della seconda tappa del Tour de France 2013, la Bastia-Ajaccio di 156 Km, sono due: la prima, Peter Sagan non vince una volata alla quale partecipa; la seconda, la vittoria va invece alla sorpresa di giornata, il belga Jan Bakelants, che beffa tutti sul traguardo in velocità. Postilla: per quel che può valere ai fini di quello che succederà poi a Parigi, Bakelants è anche la nuova maglia gialla, strappandola a Kittel che l'aveva indossata ieri. Il segreto? Le quattro salite posizionate lungo il percorso, che hanno avuto il merito di selezionare il gruppo e tenere fuori dai giochi gli uomini più pericolosi, su tutti Mark Cavendish che naturalmente quando si parla di volata diventa l'uomo da evitare. A inizio giornata se ne vanno in quattro: Boom, Veilleux, Kadri e Ruben Perez. Li vanno a riprendere, grazie al lavoro della FDJ che si mette a tirare il gruppo. Quello che accade poi è che all'ultimo strappo, quando mancano circa 12 chilometri e la strada sfiora la pendenza del 9%, è che la Sky si mette a tirare tutto il gruppo, e che Chris Froome parte in prima persona. Non se ne va, ma intanto fa capire agli avversari in che condizioni sia, di fatto dà un segnale che è come dire "vi aspetta questo, posso partire quando voglio". Si arriva così con il gruppo in volata: partono Gautier e Chavanel, e sono loro che si tirano altri cinque corridori, e poi tutti gli altri. Finisce con la volata: per una volta Sagan viene battuto, la vittoria va a Bakelants che si toglie anche lo sfizio della maglia gialla. Soddisfazione anche per l'Italia: ci sono tre corridori azzurri tra i primi dieci (quarto Davide Cimolai). Domani siamo ancora in Corsica: si arriva a Calvi, percorso di 145,5 Km e, tra le tre tappe sull'isola, di sicuro la più complicata. Poi ci trasferirà a mezzo nave fino a Nizza, e saremo a tutti gli effetti in Francia.