BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Tour de France 2013 / Mark Cavendish “non gradito” a un Criterium in Olanda

Mark Cavendish è persona non gradita ad un Criterium che si correrà in Olanda il giorno dopo la conclusione del Tour de France: continuano le polemiche sulla caduta di Veelers

Mark Cavendish (Infophoto)Mark Cavendish (Infophoto)

Continua a fare notizia dopo due giorni l'episodio della caduta dell'olandese Tom Veelers innescata da un contatto con Mark Cavendish nella volata della decima tappa del Tour de France 2013 sul traguardo di Saint Malo, vinta martedì pomeriggio dal tedesco Marcel Kittel, compagno di squadra dello sfortunato Veelers. Molti hanno considerato Cavendish responsabile dell'incidente, e quindi non hanno gradito il fatto che la giuria non abbia preso alcun provvedimento a carico del campione del Mondo 2011. In particolare questo sentimento è diffuso in Olanda, tanto che il capitano della Omega Pharma-Quick Step non è stato invitato in quanto “persona non gradita” al Boxmeer Criterium che si terrà lunedì 22 luglio, all'indomani della conclusione della Grande Boucle con la tradizionale passerella sui Campi Elisi di Parigi. Questa corsa olandese è uno dei tradizionali circuiti ad inviti che si disputano in Francia e nelle Nazioni vicine nei giorni immediatamente successivi alla fine del Tour de France, e di certo la decisione degli organizzatori farà discutere. In particolare, l'ex corridore Twan Poels, ora membro del comitato organizzatore del Criterium, ha dichiarato: “Cerchiamo uno sprinter, ma non Cavendish. Ho visto in televisione le immagini della volata insieme al comitato organizzatore e ho deciso di toglierlo dalla lista. Giudichiamo le sue azioni non buone. La giuria può avere deciso che non sia stato responsabile della caduta di Veelers, ma non la pensiamo diversamente”. Non c'è pace dunque per il velocista principe degli ultimi anni, che ieri è stato addirittura vittima di un episodio di pessimo gusto quando un tifoso lo ha spruzzato di urina, ed oggi si trova davanti ad una esplicita condanna da parte di persone direttamente impegnate in eventi ciclistici.

© Riproduzione Riservata.