BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Calendario Serie A/ Le partite del nuovo campionato giornata per giornata

Calendario Serie A: il campionato 2013-2014. Ecco l'elenco di tutte le partite nelle diciotto giornate, in un torneo che vedrà disputarsi ben cinque derby. Inizio difficile per le grandi

Foto InfophotoFoto Infophoto

Il campionato di serie A 2013-2014 prenderà il via sabato 24 agosto, con gli anticipi della prima giornata, e si concluderà il 18 maggio 2014. La prime sfide "bollenti" sono previste alla terza giornata, con il derby d'Italia Inter-Juventus e quello della Lanterna, Sampdoria-Genoa. Il turno successivo riserva Milan-Napoli e Roma-Lazio. La stracittadina di Torino cade invece alla sesta giornata, mentre quella successiva, la settima, vedrà Inter-Roma e Juventus-Milan. Scintille anche all'ottavo turno con Fiorentina-Juventus e Roma-Napoli. Juventus-Napoli è il big match della giornata numero 12, mentre alla 13 torna il derby di Verona dopo undici anni. Brividi anche in coda, con Milan-Roma e Napoli-Inter (che incrocia Walter Mazzarri e Rafael Benitez con le loro ex squadre) alla sedicesima giornata, e il derby di Milano, Inter-Milan, alla diciassettesima e penultima giornata. La stracittadina milanese di andata si giocherà nell'ultimo turno prima di Natale: panettone mai così caldo… (clicca qui per il dettaglio delle giornate del calendario del campionato di Serie A

Diverse persone sono intervenute ai microfoni di SkySport, la cui sede sopita il sorteggio dei calendari. Albano Guaraldi, presidente del Bologna: "Rispettiamo le sirene di mercato, ma Diamanti e Taider resteranno con noi". Pietro Leonardi, amministratore delegato del Parma: "Per l'acquisto di Gianni Munari siamo in via di definizione. Ho incontrato la Juventus ma al contrario di quello che sento non si è parlato di calciomercato. Zero segnali da loro per Biabiany, abbiamo parlato di altro. Cassano? E'come la storia di Biabiany, ero al mare e leggevo di problemi con Cassano, poi sono arrivato in ritiro e ho trovato un clima disteso, tranquillo".  Nicola Salerno, direttore sportivo del Cagliari: "Astori richiesto dal Milan? Interessamento a giugno, poi non c'è stata prosecuzione. Astori ha ripreso ad allenarsi con il Cagliari dopo il torneo estivo (la Confederations Cup, ndr), e per lui vale il discorso degli altri giocatori della rosa".  Maurizio Setti, presidente Hellas Verona: "Primo aggettivo che mi viene in mente? La parola è combattere, per le neopromosse sarà un campionato difficile, siamo consapevoli che non so gioca tutto i una partita ma ci vorrà resistenza. Toni? E' un ragazzo sereno, oggi gioca per soddisfazione, si vede che è quella persona che serve sia in campo che fuori. Quanto ancora dobbiamo lavorare? Parecchio, l'intento è di migliorarci, dobbiamo continuare a fare le nostre valutazioni e ricerche, per quei giocatori che facciano al caso del nostro gruppo. Derby atipico? Non è sentito come quelli di Genova, Milano e Torino, però è tanto tempo che manca e questa è la cosa importante: creare un bell'evento per riempire lo stadio e riunire la città".  Adriano Galliani, amministratore delegato del Milan: "Silvestre? Invece che avvicinarsi ci siamo allontanati, possiamo considerare la trattativa interrotta". Enrico Preziosi, presidente del Genoa: "Pensavo che Silvestre andasse al Milan... Granqvist in rossonero? E' un mio giocatore, ora sento Galliani e all'uscita vediamo. Gilardino-Borriello? Restiamo così".

E' tutto pronto per la diretta del sorteggio del calendario di serie A per la prossima stagione. I presidenti, uno a uno, sono usciti dall'Assemblea di Lega per raggiungere gli studi di Sky Sport dove si terrà la cerimonia di "estrazione" (di fatto sarà il computer a occuparsi di tutto); non sono state rilasciate dichiarazioni in merito, solo Pierpaolo Marino si è lasciato andare a un breve commento ("sono fatalista: solo Dio sa quello che succederà, non lo sappiamo di certo noi con calcoli sulla carta"). Tuttavia, l'attesa è grande, ed è pur vero che una partita piuttosto che un'altra potrebbe cambiare tante cose a livello di preparazione atletica e fisica nel corso della settimana, perchè al dl là della retorica secondo cui "tutte le partite valgono tre punti" è vero che ogni impegno fa storia a sè e la vera variabile "impazzita" è il periodo dell'anno nel quale si affronta una determinata squadra piuttosto che un'altra. Più che la prima giornata, poi, sarà interessante andare a scoprire l'ultima: ricorderete quanto accaduto un anno fa, nella corsa alla Champions League - tutti gli altri obiettivi erano già decisi. Quindi, occhi aperti e tutti pronti a segnare nomi e date: il sorteggio, a questo punto, sta veramente per arrivare.

Questa sera, alle 18:45 in diretta dagli studi di Sky Sport, sarà trasmesso il sorteggio del calendario di Serie A per la prossima stagione, 2013/2014. Appuntamento atteso e pieno di sorprese (leggi l'intervista a Nucera di Sky) e che pur avento regole molto precise, lascia di fatto alla sorte il destino delle squadre del Campionato più discusso del mondo. Conosceremo dunque il cammino delle squadre ai nastri di partenza della stagione, che sono 20: la formula è in vigore dal 2004/2005 - prima erano 18 - ma un campionato a 20 squadre si era già avuto nel 1946/1947 e ancora tra il 1948 e il 1952. Sulle 38 giornate è stata la Juventus a vincere di più: se contiamo anche i due scudetti revocati siamo a quota 6, mentre l'Inter ne ha vinti 4 sul campo più quello assegnato a tavolino e quindi, almeno ufficialmente, è in vantaggio. I nerazzurri detengono anche il record di punti, 97 (stabilito nel 2006/2007), mentre la striscia record di permanenza in testa alla classifica è di 76 giornate, stabilito dalla Juventus che sotto la guida di Fabio Capello (parliamo dei due titoli poi cancellati) è stata sempre in testa. I bianconeri hanno anche chiuso un campionato a 20 squadre senza perdere una sola partita, nel 2011/2012; e hanno raggiunto una striscia di imbattibilità asoluta di 49 gare, seconda dietro al Milan che non perse per 58 incontri tra il maggio del 1991 e il marzo del 1993. Per quanto riguarda le partite casalinghe, il primato di imbattibilità è del Torino: ironia della sorte, aperta e chiusa da un derby, stabilita tra gennaio 1943 e novembre 1949 e durata 88 giornate. Altri record: Javier Zanetti insegue Paolo Maldini come presenze (603-647), ma l'infortunio al tendine d'Achille gli impedirà di portarsi a ridosso dell'ex difensore del Milan. Francesco Totti invece può ridurre le distanze da Silvio Piola come miglior marcatore di sempre in serie A, al momento è a 227 mentre il bomber che ha giocato piemontese è a quota 274. Sebastiano Rossi detiene invece il record per il periodo più lungo senza subire reti: con il Milan di Capello, quello dei tre scudetti consecutivi, nel 1993-1994 blindò la porta per 929 minuti superando Dino Zoff. Nessuno si è più avvicinato: Ivan Pelizzoli e Samir Handanovic ci hanno provato in tempi recenti, senza però riuscirci.

Le date del 2013/2014 erano già note da tempo: inizio il 24 agosto con gli anticipi, fine il 18 maggio. Sono previste quattro soste: tre per le nazionali (8 settembre, 13 ottobre, 17 novembre) e una che è quella canonica per le feste di Natale (tra il 29 dicembre e il 4 gennaio, con gli anticipi del 5 gennaio che riapriranno il campionato). Sono invece tre i turni infrasettimanali, nei quali - è uno dei criteri del sorteggio - non si potranno giocare derby o scontri tra le big: il 25 settembre, il 30 ottobre e il 26 marzo, con relativi anticipi e posticipi. Ci sono come detto delle regole che anche le urne devono rispettare: intanto, che nessuna giornata ricalchi quella dell'anno precedente, dunque in nessun caso una partita potrà essere giocata alla stessa identica giornata del 2012/2013. Da tempo inoltre non ci sono più le teste di serie, quindi vale il concetto che, derby a parte, tutti possono incontrare tutti e in qualunque giornata, ma nelle città che ospitano due squadre l'ordine casa/trasferta, come esordio, è invertito rispetto alla scorsa stagione. Si comincerà con due turni in notturna: due anticipi al sabato (18 e 20:45) che saranno la norma, il resto del programma domenica alle 20:45 - quando invece regolarmente ci sarà un solo posticipo, con tutte le altre partite alle 15. Non vediamo l'ora che si cominci: come ha detto Antonio Nucera a IlSussidiario.net, la gente ha fame di calcio e il sorteggio è il primo momento ufficiale che ci fa capire come la Serie A stia per tornare. Si parte, lo sappiamo, tutti in coda alla Juventus: i campioni d'Italia sono loro, quindi le avversarie devono fare i conti con la banda di Antonio Conte. Dal Napoli che si è rinforzato tantissimo alla Fiorentina che ha aggiunto qualità e il grande bomber che non aveva, alle romane e milanesi che rilanciano le loro ambizioni. Nel 2013/2014 vedremo anche grandi giocatori che faranno il loro esordio in Italia: Mario Gomez, Higuain, Tevez, Llorente, Honda (vedremo se subito o da gennaio), Callejon, Joaquin. Più tutti gli altri: non c'è che dire, il calcio che conta sta davvero tornando. Intanto, la parola all'urna: il sorteggio del calendario della nuova serie A sta per cominciare...