BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Nuoto / Federica Pellegrini protesta: solo 3.000 euro di premi per Roma 2009

Pubblicazione:martedì 13 agosto 2013

Federica Pellegrini (Infophoto) Federica Pellegrini (Infophoto)

NUOTO, FEDERICA PELLEGRINI POLEMIZZA PER I PREMI DI ROMA 2009 – Arrivano ben quattro anni dopo l'evento e scatenano polemiche. Stiamo parlando dei premi della Fin (Federazione Italiana Nuoto) per l'anno 2009, e quindi soprattutto per i Mondiali di nuoto che quell'anno si tennero a Roma e che furono esaltanti per gli azzurri. Non sono andati giù a Federica Pellegrini i soli 3.000 euro che la campionessa veneta si vedrà riconosciuti per quell'anno magico per lei. Ricordiamo infatti che a Roma Fede ci esaltò vincendo la medaglia d'oro sia nei 200 sia nei 400 stile libero, in entrambi i casi stabilendo i record del mondo che resistono ancora oggi (1'52”98 nei 200 e 3'59”15 nei 400), e nei 200 aveva stabilito un primo record del mondo già in semifinale (1'53”67). Dunque due ori e tre record del mondo valgono 3.000 euro, che per giunta arriveranno con ben quattro anni di ritardo. Detto che la Pellegrini è una star che ormai guadagna molto bene grazie ai numerosi sponsor, resta in effetti vergognoso che il suo compenso strettamente collegato ad eccezionali risultati sportivi sia così misero. Federica così ha postato su Twitter il trafiletto della Gazzetta dello Sport di oggi in cui si dà la notizia, aggiungendo come commento personale: “Questo è quello che ho guadagnato vincendo due mondiali con tre record del mondo in una sola edizione!!! Fate voi!!!”. Da notare che, curiosamente, Alessia Filippi ha ottenuto di più per il suo oro nei 1500 e il suo bronzo negli 800, che le sono valsi 20.000 euro. Somma comunque non elevata, e che si spiega pure con un contenzioso per emolumenti non ricevuti dal proprio club di appartenenza. Anche se la Pellegrini ha detto di essere “arrabbiata per la differenza di trattamento”, questa vicenda potrebbe anche tornare utile se non verrà ridotta a una polemica fra due campionesse per chi ha guadagnato di più, ma se diventerà un utile spunto di riflessione sulla situazione degli sport cosiddetti “minori” (di fatto tutti tranne il calcio) in Italia: se per avere 3.000 euro di premi devi vincere due Mondiali è facile capire che qualcosa non funziona...



© Riproduzione Riservata.