BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Tennis WTA Cincinnati/ A Roberta Vinci il derby contro Sara Errani: quarti di finale

E' Roberta Vinci a qualifcarsi per i quarti di finale del torneo WTA di Cincinnati: nel derby di oggi la tarantina batte piuttosto nettamente Sara Errani. Ora le due in campo per il doppio

Roberta Vinci, attuale numero 12 del ranking WTA (Infophoto) Roberta Vinci, attuale numero 12 del ranking WTA (Infophoto)

Hanno giocato l'una contro l'altra e ora si rimettono in coppia, nel loro ruolo naturale, per affrontare il torneo di doppio (giocano già nella serata americana). Stavolta, nel derby italiano numero 9 tra Sara Errani e Roberta Vinci, a spuntarla è la tarantina, che vince piuttosto nettamente con il punteggio di in un'ora e 18 minuti e accede così ai quarti di finale del torneo di Cincinnati, dove incontrerà ora la vincente della sfida tra Sloane Stephens, che ha tolto di mezzo Maria Sharapova, e Jelena Jankovic. Non sappiamo se le due azzurre abbiano fatto il "patto" di non giocare al 100% per tenere le forze in vista del doppio; se anche fosse non lo ammetterebbero mai, e poi siamo troppo abituati alle finali infinite tra le sorelle Williams per non sapere che quando ci si sfida in famiglia o comunque tra amiche carissime non ci si può aspettare che ne vengano fuori le partite tra Steffi Graf e Monica Seles dei tempi d'oro. Anzi: spesso e volentieri l'ago della bilancia pende in maniera piuttosto netta. E' stato così anche questa sera, nonostate nel primo set Sara Errani abbia provato a scappar via subito; Roberta però l'ha ripresa fino al 4-4, poi ha chiuso e con tranquillità è andata al secondo parziale, dove ancora una volta si è trovata sotto. Si pensava già al terzo e decisivo set, ma la tarantina ha ritrovato la fluidità dei colpi e agevolmente ha prima recuperato, poi allungato e infine chiuso. Per lei i quarti di finale di un Premier V rappresentano un bel traguardo: sta cercando di entrare nella Top 10 del ranking WTA, perciò più strada riesce a fare e meglio è. La strada la fa anche Victoria Azarenka, che è dalla parte di tabellone della Vinci (possibile incrocio in semifinale) e nonostante una Magdalena Rybarikova tutto cuore (la slovacca merita di entrare almeno nelle prime 30 al mondo) riesce a rimanere concentrata, a non vivere i brividi provati ieri contro Vania King e a far valere il suo blasone superiore. Per Vika, rientrata sul circuito dopo l'infortunio che l'aveva costretta a ritirarsi da Wimbledon, adesso una partita impegnativa contro Petra Kvitova o Caroline Wozniacki. Parte favorita, ma gioca contro due ottime colpitrici dal fondo che le possono tenere testa sul piano del ritmo. (Claudio Franceschini)

© Riproduzione Riservata.