BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Italia-Argentina / Foto, “Papa” Lavezzi: il Pocho si siede sul trono di Pietro

Pubblicazione:giovedì 15 agosto 2013

Ezequiel Lavezzi (infophoto) Ezequiel Lavezzi (infophoto)

FOTO ITALIA-ARGENTINA: LAVEZZI IN VATICANO – Ormai è finita questa memorabile due giorni romana con Italia-Argentina in onore di Papa Francesco. La partita giocata ieri sera all'Olimpico, che ha visto il successo dei sudamericani con il punteggio di 2-1 con i gol di Gonzalo Higuain e di Ever Banega a fronte dell'unica rete azzurra messa a segno da un Lorenzo Insigne in grande spolvero (clicca qui per la cronaca e il video dell'amichevole) non può far passare in secondo piano il fatto che l'evento principale è stata l'udienza in Vaticano concessa martedì dal Pontefice alle delegazioni delle due Nazionali (clicca qui per le parole di Papa Francesco). I due protagonisti principali di quella giornata, fra i calciatori, sono stati senza dubbio Mario Balotelli fra gli azzurri – che ha ottenuto pure una piccola udienza privata supplementare con Bergoglio – ed Ezequiel Lavezzi tra i componenti della Seleccion. In particolare, il Pocho ha fatto notizia sedendosi direttamente sul trono pontificio al momento della foto di gruppo degli argentini. Tutti gli altri sono in posa dietro al trono, ed ecco che il giocatore del Paris Saint Germain si siede proprio lì, al posto riservato al successore di san Pietro, con la massima disinvoltura: sorridente e pure con le gambe accavallate, senza la benché minima traccia di imbarazzo. La foto ha fatto il giro del mondo, anche perché lo stesso giocatore l'ha postata su Twitter (e non poteva essere altrimenti...). Scatenati i commenti, moltissimi dei quali da parte dei suoi ex tifosi al Napoli. Se non l'avete ancora vista, noi ve la proponiamo nella seconda pagina di questo articolo: Papa Ezequiel sarà sotto i vostri occhi...

CLICCA SUL PULSANTE > QUI SOTTO PER LA FOTO DI EZEQUIEL LAVEZZI SEDUTO SUL TRONO DI PAPA FRANCESCO DURANTE L'UDIENZA IN VATICANO


  PAG. SUCC. >