BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Supercoppa Italiana 2013/ Pagelle, Juventus-Lazio 4-0 risultato finale: voti, cronaca e tabellino

Juventus

Si dice che dietro un grande uomo c'è sempre una grande donna. Con la Juve funziona al contrario: dietro la Signora c'è un signor portiere: una parata per tempo (Radu, Klose), entrambe super.

Veramente impegnato solo all'inizio, quando Lulic parte forte. Aiutato da Lichtsteiner e Vidal non deve ricorrere a supplementi dal 75'CACERES 6 Sul pezzo nel quarto d'ora che gioca.

Concentrato ma non del tutto: Klose ha due lampi nella ripresa, lui non compare sulla scena. Ma visto il contesto sono macchioline. 

Puntuale in qualche anticipo e a tutto campo per il raddoppio: sgroppata premiata.

Entra in tre gol su quattro, cosa si può chiedere di più a un ex? dall'82'OGBONNA s.v. Minuti di gestione.

Non fa fermate neanche per pisciare: Vasco Rossi parlava di un treno… Aiuta in tante zone del campo, spende una gran quantità di pressing, avvia il raddoppio.

Anche a marce basse, anche guardato a vista, anche con cose semplici: è come il Mulino Bianco, il suo è un mondo buono, qualcosa sgorga sempre fuori (vedi la punizione dell'1-0). 

Presenza in mezzo al campo e un paio di strappi in avanti fino all'infortunio: distorsione al ginocchio, speriamo bene dal 24'POGBA 7 Entra e sconquassa, con il gol e giocate di fisico. Più tranquillo nella ripresa ma resta un bel dosso.

Bene soprattutto in fase difensiva, in cui sbroglia un paio di situazione soft: davanti fa match pari con Cavanda, che non ha da invidiargli fisicamente.

Il fiorettista serbo stocca bene, offrendo sponde delicate ma fatali come alcune donne.

Tartassato ma non abbandonato a sè stesso, lavora per la squadra nel primo tempo e morde nel secondo. Non trasuda ancora l'ira funesta dei giorni migliori, ma col suo trottolare e gli sguardi in cagnesco sembra avvertire: picchiate e vedrete. 

All.CONTE 7 Sembra esagerato nel suo sgolarsi fino alla fine, ma se la sua squadra sfonda anche le feritoie ci sarà un motivo.

(Carlo Necchi)