BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagelle/ Inter-Genoa 2-0: i voti e il tabellino della partita (serie A 2013-2014, 1^giornata)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Inter

HANDANOVIC 6 Inoperoso. Non deve mai scomporsi.

CAMPAGNARO 6,5 Debutto positivo. Anima numerose ripartenze dei nerazzurri e recupera molti palloni non tirando mai indietro la gamba.

RANOCCHIA 6,5 Cerca l’anticipo continuamente e spesso disinnesca senza problemi le sortite di Gilardino. Sicuro e elegante.

JUAN JESUS 6 Mostra attenzione e precisione negli interventi. Santana non è un cliente difficile, ma lui lo annulla completamente.

JONATHAN 6,5 Diventa l’uomo più pericoloso dei suoi. Cross e tagli interessanti. Forse è presto per celebrare la sua rinascita sotto gli ordini di Mazzarri, ma la gara di oggi è di sicuro una delle migliori da quando veste la casacca nerazzurra.

KUZMANOVIC 6 Si muove bene tra gli spazi, cercando in ogni modo di rifornire puntualmente i compagni. Attento in fase difensiva.

(dal 7’ s.t. ICARDI 6,5 Entra determinato a far bene e subito si mette in mostra con un colpo di testa. Poco tempo dopo è la traversa a negargli la prima rete in nerazzurro).

CAMBIASSO 5,5 Leggermente sottotono. Fa fatica nelle ripartenze, rallentando spesso la circolazione della sfera.

(dal 27’ s.t. KOVACIC 6 Ha un buon impatto con il match, favorendo la rapida circolazione di palla).

GUARIN 6,5 Dopo un primo tempo da dimenticare, si presenta in campo con il giusto approccio e bombarda l’area avversaria con tiri dalla distanza. È suo l’assist che apre la strada al raddoppio di Palacio.

NAGATOMO 6,5 Dopo un duello difficile con Vrsaljko si fa trovare presente al momento giusto, riuscendo a sbloccare il match.

PALACIO 6,5 A tratti regala l’impressione di risentire dei postumi della preparazione, ma il gol realizzato è il giusto punto di inizio per una stagione da protagonista.

R. ALVAREZ 6 Svaria in diverse zone del campo cercando di aprire la difesa avversaria. Poco incisivo, ma sempre dinamico.

(dal 40’ s.t. TAIDER s.v.)

MAZZARRI 6,5 La sua nuova creatura inizia a prendere forma. L’equilibrio e la costante ricerca di esso, sono i primi segni di una rivoluzione silenziosa che parte dall’installazione di alcuni dogmi tanto cari a Mazzarri quanto ai tifosi di Napoli, Samp e Reggina. La strada è ancora lunga, ma con qualche regalo in più dal calciomercato sognare non è vietato.

(Francesco Davide Zazatwitter@francescodzaza)


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >