BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calciomercato Milan, Scambio Birsa-Antonini, Kakà più di Honda. Le notizie al 31 agosto 2013

Calciomercato Milan: si tratta per uno tra Honda e Kakà: il CSKA ha respinto ancora l'offerta per il giapponese. Petagna-Samp fatta, scambio Birsa-Antonini con il Genoa

Valter Birsa, 27 anni, ala sinistra slovena (INFOPHOTO) Valter Birsa, 27 anni, ala sinistra slovena (INFOPHOTO)

Secondo le ultime indiscrezioni di calciomercato Milan e Genoa hanno concluso un altro scambio: Valter Birsa arriva in rossonero, Luca Antonini si trasferisce al Genoa. Il Milan acquisterà quindi Birsa, ala sinistra di naizonalità slovena classe 1987: doveva essere scambiato con Bakaye Traorè (che per il momento resta a Milanello) ma alla fine è stato ceduto Antonini. Quest'ultimo è stato vicino al Torino ma ora passa al Grifone, che gli consentirà un impiego più regolare rispetto al Milan. Il prossimo scambio sarà quello Niang-Kucka?

Aspettando un trequartista il Milan ha ceduto in prestito Andrea Petagna. Secondo quanto riferisce SkySport24 l'attaccante classe 1995 i trasferisce in prestito alla Sampdoria, nella formula del prestito con diritto di riscatto della metà. Per Petagna si era aperto un derby tra i blucerchiati e il Genoa: l'ha spuntata la Samp ma il Grifone può consolarsi con M'Baye Niang. Possibile uno scambio nelle ultime ore di calciomercato tra il prestito del giovane francese e la compartecipazione di Juraj Kucka. Quest'ultimo farebbe comodo al Milan soprattutto se non arrivasse un nuovo trequartista: a quel punto Allegri potrebbe utilizzare tra le linee Riccardo Montolivo, che ha giocato da numero 10 anche in Nazionale. 

A meno di colpi di scena il calciomercato del Milan terrà aperti fino alla fine i file Keisuke Honda e Ricardo Kakà. Stando alle ultime indiscrezioni sembra che il brasiliano abbia scavalcato il giapponese nelle gerarchie delle possibilità. Il ha infatti rifiutato l'ulteriore offerta del Milan di circa 4 milioni di euro (3 milioni più bonus). Non è da escludere che i rossoneri presenteranno una nuova proposta ai russi, ma parallelamente proseguono le trattative per convincere Kakà ad abbassarsi lo stipendio sino a 5 milioni di euro annui. Il Real Madrid d'altra parte ha dato l'ok a cedere il brasiliano a parametro zero.

Per ora di sicuro in casa rossonera ci sono i 30 milioni di euro guadagnati dalla qualificazione alla fase a gironi di Champions League, i 12 per la cessione di Kevin Prince Boateng allo Schalke 04, una trattativa lampo che ha sorpreso non poche persone, e l’acquisto di Alessandro Matri per 11 milioni. Ma siamo sicuri che la cessione del ghanese sia stata una delle mosse migliori del club di via Turati? Un giocatore che, anche se caratterizzato da un rendimento discontinuo, in questo momento di magra avrebbe potuto fare comodo alla formazione di Allegri. Ma si sa, Adriano Galliani ci ha abituati a colpi di calciomercato miracolosi dell’ultima ora; sarà capace anche questa volta di sorprenderci? Come verranno spesi i soldi rimanenti con cui si sono andate a rimpinguare le casse rossonere? Il ds milanista ha riaperto le porte del rimpianto all’ex di turno Kakà ma le perplessità su un possibile ritorno in rossonero sono obbligatorie in una situazione come questa. Inoltre lo spettro di situazioni già vissute, vedi Shevchenko, incombe vigile sul futuro del Milan. Il trequartista brasiliano ha fatto sapere indirettamente di poter venire incontro alle esigenze economiche della squadra milanese rendendo pubblico il suo disagio in casa Merengues. L’assist di Kakà è arrivato chiaro alle porte di Milanello, ora starà Galliani e presidenza a cogliere la palla al balzo. La cifra per portare nuovamente al Milan il brasiliano non è ancora definita, essendoci ancora un punto di domanda sull’affare, ma probabilmente si potrebbe parlare di una decina di milioni. 

Altro fattore da prendere in considerazione è il maxi stipendio percepito a Madrid: ben 10 milioni annui contro i 4 guadagnati da Mario Balotelli, che rappresentano l’ingaggio più alto in squadra. Il pressing asfissiante da parte della dirigenza rossonera intanto prosegue anche sul versante moscovita per il giapponese Keisuke Honda: ora la situazione sembra rimanere bloccata ma Galliani si è lasciato più volte sfuggire dichiarazioni velate che lasciavano intendere una possibile intesa tra i due club, con possibile tentativo per portarlo a Milano entro il 2 settembre. Per quanto riguarda la difesa, dopo il comunicato ufficiale dell’altro ieri, l’affare Mamadou Sakho probabilmente verrà archiviato nella sezione “voci di corridoio”, dato che in queste ultime ore è stato accostato al Liverpool che ha rilanciato con 17 milioni presentati al PSG. L’unico tentativo per rinforzare la retroguardia rossonera