BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagelle/ Torino-Milan (2-2): i voti e il tabellino (Serie A, terza giornata)

Pubblicazione:sabato 14 settembre 2013 - Ultimo aggiornamento:domenica 15 settembre 2013, 1.55

TORINO-MILAN: I VOTI DEI ROSSONERI

ABBIATI 5,5: 2 goal subiti. Forse poteva far meglio sul primo.

ZACCARDO 6: Partita sufficiente. Commette errori, ma fa anche buone cose. E’ capitato in una serata no di tutta la squadra, ma non fa rimpiangere Abate.

MEXES 6,5: Leader indiscusso della difesa. Sventa molti pericoli in area e supporta la manovra della sua squadra.

ZAPATA 5,5: Non trasmette ancora la sicurezza del compagno di reparto. Fotocopia dell’inizio della scorsa stagione.

EMANUELSON 5,5: Non rende tanto come terzino. Non è il suo ruolo e si vede. Fatica molto a intendersi con i compagni di squadra.

DE JONG 6: Nel primo tempo salva un goal già fatto, allungandosi sul passaggio decisivo di Cerci per El Kaddouri. Nel secondo tappa il buco lasciato da Montolivo e non sfigura un po’.

MONTOLIVO 6: fino al suo infortunio sembrava quello più in palla della partita.

DAL 45° POLI 6,5: Si conquista un rigore che vale come oro al 93°.

MUNTARI 5,5: Troppo falloso in mezzo al campo. Deve vincere ancora la partita personale con i suoi nervi.

KAKA’ 6: Il grande ritorno segnato da una prestazione opaca. Lui comunque ci prova e si vede. Agisce su molte zone del campo spendendo molto anche fisicamente. Bentornato, ma deve ancora ritrovare la forma fisica eccellente.

DAL 70° BIRSA: S.V.

ROBINHO 4,5: Un peso, più che un arma in più, in mezzo all’area di rigore per la sua squadra.

DAL 57° MATRI: Fa molto meglio in mezzora del compagno il sostituito.

BALOTELLI 6: Salva la sua gara mantenendo la freddezza giusta per spiazzare al 93° Padelli. Per il resto non si riconosce e sbaglia 3 goal non da lui.

ALLEGRI 4,5: La sua squadra fa solo possesso palla, ma non ha idee. E’ anche sfortunato visto che quello più in forma lo abbandona al 45° per un problema muscolare. Nonostante ciò c’è ancora troppo su cui lavorare



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.