BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagelle/ Italia-Spagna (86-81 dts): voti e tabellino della partita (Europei basket 2013, gruppo F)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

L'Italia in campo contro la Croazia  L'Italia in campo contro la Croazia

I VOTI DELLA SPAGNA

RUDY FERNANDEZ 5 Uno con il suo talento non si può limitare a 5 punti. Tira malissimo (2/8) e fa sempre le scelte sbagliate, non entrando mai in partita. Uno dei tanti a tradire Orenga.

SERGIO RODRIGUEZ 7,5 Ci mette un po' a carburare, ma nel secondo e terzo quarto firma insieme a Gasol la fuga Spagna che sembra essere decisiva. Segna 18 punti e distribuisce anche 6 assist: nel finale si fa prendere anche lui dalla foga e sbaglia qualcosina, ma senza di lui le Furie Rosse avrebbero perso più nettamente.

REY 5,5 Gioca per far rifiatare Gasol e limitare i suoi falli: di fatto è arma tattica difensiva che funziona a corrente alternata. Non è in campo nei momenti in cui si decide la partita.

CALDERON 5 Scelte spesso sbagliate, si fa mangiare da Cusin due volte nel primo quarto, sbaglia un lay up in contropiede e poi quando la Spagna è in affanno non la mette mai, chiudendo con un orrido 2/10 da tre punti.

RUBIO 4,5 Gioca poco e le sue statistiche dicono ancora meno. Un tiro piazzato nel primo quarto, un assist in transizione, poi il nulla: tante amnesie ma soprattutto l'impressione che giochi con il freno a mano tirato. In difesa si sbatte come sa fare, ma non è decisamente la sua serata.

CLAVER 5,5 Lo si ricorda per essersi fatto sfuggire dalle mani la tripla dell'ultima speranza spagnola; prima però aveva anche combinato qualcosa di buono, segnando un tiro da 3 di discreta importanza e sbattendosi molto sotto i tabelloni (6 rimbalzi).

SAN EMETERIO 6 Partita dai due volti: solo 4 punti per uno dei giocatori più versatili delle Furie Rosse, dà l'impressione di poter spaccare il mondo ma di frenarsi. Non sfrutta appieno i missmatch e si accontenta troppo spesso del tiro da tre punti (0/4).

LLULL 6 Al di là delle cifre non certo da ricordare, gioca una partita ordinata come cambio dei playmaker, e ad ogni modo è l'unico che riesca a portare ordine nella Spagna. Non è certo un caso che nel finale e quando si giocano i punti importanti ci sia in campo lui.

M. GASOL 8 Le cifre sono pazzesche: 32 punti sono massimo nel torneo, e ci aggiunge anche 10 rimbalzi. Troppo deficitario nel primo quarto, e soprattutto nel corso della rimonta azzurra non segna più. Prima, però, aveva scavato il solco praticamente da solo. Encomiabile: con i se e i ma non si fa la storia, ma cosa sarebbe stato insieme a Pau? Beh: lo abbiamo già visto.

MUMBRU 6,5 Una buona presenza sotto canestro, finisce per giocare tanti minuti (27). E' l'uomo che dà l'inerzia giusta al secondo quintetto, vero che chiude con 2/7 al tiro ma sotto canestro, nella battaglia persa dalla Spagna, è uno dei più presenti e combattivi.

AGUILAR n.e.

GABRIEL n.e.

(Claudio Franceschini)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.