BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Pagelle/ Juventus-Verona (2-1): Top e Flop. I voti e il tabellino della partita (Serie A, quarta giornata)

Il gol decisivo di Fernando Llorente, 28 anni (INFOPHOTO)Il gol decisivo di Fernando Llorente, 28 anni (INFOPHOTO)

Viene abbandonato al suo destino in occasione del gol subito. Per il resto non deve compiere eccessivi sforzi…

Si fa trovare fisso su Cacia, chiudendolo in qualunque sua idea. Tante chiusure, ma soprattutto un utile e rapida partecipazione nel giro palla.

Salva diverse occasioni spegnendo sul nascere le ambizioni di Cacia e Gomez.

Fa ricredere chi dopo Copenaghen aveva storto il naso. Prestazione maiuscola con molta energia e tanto coraggio messo in campo.

Sembra ormai un giocatore pienamente recuperato. Anticipa, scatta e assiste al meglio.

Fa la guerra fin dal fischio iniziale, recuperando molti palloni e partecipando attivamente alla manovra. Sul finale pare accusare un po’ di stanchezza.

Viene emarginato dal giro palla a causa della marcatura fissa di Jorginho. Si rivela comunque importante grazie a diversi recuperi di palla e a intelligenti movimenti senza palla.

(dal 21’ s.t. MARCHISIO 6 Riassaggia l’erba del campo dopo un mese di assenza. Diversi spunti interessanti.)

In un centrocampo pieno di duelli il giovane francese brilla per intensità e lucidità. Na traversa rinvia l’appuntamento con la rete.

Sbatte contro gli avversari, facendo a sportellate sulla fascia o nei pressi dell’area. Sguscia via alla marcatura molte volte, offrendo diverse soluzioni ai compagni.

Trova un ottima intesa con i compagni spalle alla porta, offrendo e proteggendo diversi palloni pericolosi. La specialità della casa vale il primo gol allo Stadium e il successo.

(dal 24’ s.t. VUCINIC 5,5 Non parte bene sbagliando diversi palloni facili da gestire. Andando avanti si mostra nervoso e poco concentrato.)

Furente come al solito. Particolarmente ispirato in questo match, l’argentino si rivela decisivo in ogni azione. Partecipazione costante e numerosi pericoli creati grazie alla sua tecnica.

(dal 35’ s.t. GIOVINCO 6 Si propone più volte cercando di abbattere il muro degli scaligeri. In 10 minuti offre diversi servizi e 3 tiri verso lo specchio.)

All. CONTE 6,5 La squadra vuole il riscatto fin da subito: il tecnico cuce e scuce su misura la sua creatura, mantenendo alta la guardia e costante la pressione.