BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

America's Cup 2013/ Video, Oracle vince la Coppa: completata la clamorosa rimonta

Oracle ha vinto la finale della America's Cup 2013 contro New Zealand: il video della decisiva regata-19, con cui gli americani hanno completato una leggendaria rimonta a San Francisco

InfophotoInfophoto

Probabilmente sarà ricordata come la rimonta più clamorosa nella storia dello sport, non solo della vela. Oracle ha vinto la Coppa America 2013, e lo ha fatto nel modo più folle che si possa immaginare: una settimana fa era sotto per 1-8 nella finale contro Emirates Team New Zealand, oggi festeggia la difesa del titolo conquistato tre anni fa con il punteggio finale di grazie a otto successi consecutivi per arrivare alla fatidica quota nove prima degli avversari, a cui ora tocca l'ingrato ruolo di essere ricordati per sempre come le vittime della rimonta. A rendere tutto ancora più epico, ecco la penalizzazione di due punti inflitta al consorzio americano per le irregolarità nel corso delle World Series degli anni scorsi: ciò significa che Oracle ha dovuto vincere ben undici regate per conquistare questa sospirata Coppa. Ieri la decisiva regata 19 si è chiusa con un margine di 44 secondi di vantaggio per l'equipaggio guidato dallo skipper James Spithill, nonostante alla partenza avesse guadagnato un piccolo margine di vantaggio la barca neozelandese di Dean Barker. La straordinaria velocità di Oracle nel risalire il vento è stata però decisiva per il sorpasso, e l'arrivo è stato trionfale visto il margine accumulato dal defender nella seconda parte di gara. Festa grande per il miliardario Larry Ellison, patron del consorzio, e per il boss sportivo Russell Coutts, che arriva a quota cinque America's Cup vinte (pur se con ruoli diversi) con tre team di altrettanti continenti differenti. Per New Zealand, orgoglio di un'intera Nazione, ancora più della Ferrari in Italia, è un dramma sportivo dal quale non sarà facile riprendersi, anche se nello strano mondo della vela tutti pensano già alla prossima edizione: certamente sarà ancora a San Francisco e si utilizzeranno ancora i catamarani. (Mauro Mantegazza)

Il team americano dopo aver riaperto la serie che vedeva New Zealand ad un passo dalla vittoria finale, riesce a piazzare l'affondo decisivo per assicurarsi la Coppa America 2013. Grande rammarico per New Zealand che ha buttato via un'occasione d'oro.

Oggi a San Francisco siamo davvero all'atto conclusivo per l'assegnazione della America's Cup, il più antico e prestigioso trofeo di vela al mondo. I defender americani di Oracle hanno completato una rimonta da leggenda ai danni degli sfidanti di Emirates Team New Zealand: la classifica ora parla di un pareggio () e chi arriva a nove vittorie conquista il titolo. Dunque finale più emozionante non poteva esserci, chi vince la prossima regata si porta a casa la Coppa America 2013. Come per tutta la manifestazione, non è prevista la diretta tv in Italia per queste regate, dunque chi vorrà seguire queste fasi decisive fra New Zealand e Oracle avrà due possibilità, entrambe su Internet: in streaming video sul sito ufficiale www.americascup.com oppure dal canale ufficiale di Youtube della Coppa America. Tutto questo sembrava impossibile solo una settimana fa, il 18 settembre, quando New Zealand vinse una regata per l'ultima volta, portandosi sul punteggio di 8-1: sembrava tutto finito, mancava un solo punto ai Kiwi e sarebbe stato folle pensare ad un epilogo diverso. Ora, dopo sette vittorie consecutive per Oracle, sembra invece assurdo pensare a un successo degli sfidanti, perché la situazione si è completamente ribaltata sia dal punto di vista tecnico sia da quello psicologico (clicca qui per l'opinione di Cino Ricci). Lo skipper James Spithill e il tattico Ben Ainslie stanno trascinando Oracle a quella che sarebbe una delle imprese più sensazionali di sempre, mentre Dean Barker - skipper dei neozelandesi - sembra non essere più in grado di elaborare una contromossa: dovrà farlo, altrimenti il suo nome sarà associato per sempre a questa impresa in negativo. A rendere ancora più incredibile tutto questo, la penalizzazione di due punti inflitta agli americani per le irregolarità nelle World Series: Oracle ha dunque già vinto dieci regate, e per assegnare il successo in una serie al meglio delle diciassette regate si arriverà a quella numero 19. Ieri Oracle ha vissuto una splendida giornata, vincendo due regate rispettivamente per 27 e 54 secondi, e salendo da 6-8 a 8-8, per un pareggio a dir poco incredibile pochissimi giorni fa. Dunque questa sera, a partire dalle ore 22.15 italiane (le 13.15 in California) si disputerà la regata 19. Se le condizioni non dovessero essere subito buone, ci sarà tutto il pomeriggio a disposizione per cercare di mandare in scena la gara che assegnerà il titolo, facendolo rimanere negli Usa oppure portandolo in Nuova Zelanda per la terza volta nella storia. Attenzione però alle previsioni sul vento: si parla di 35 nodi, che renderebbero impossibile gareggiare. Sarebbe l'ennesimo capitolo di una Coppa che (comunque vada a finire) nessuno potrà mai dimenticare.

dalle 22.15

© Riproduzione Riservata.