BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Pagelle/ Atalanta-Udinese (2-0): i top e i flop della partita (Serie A, sesta giornata)

German Denis, oggi una doppietta per lui (Infophoto) German Denis, oggi una doppietta per lui (Infophoto)

Colpevole in altre occasioni, questa volta è lui che salva l'Udinese da un tracollo ancora peggiore.

Sbaglia un gol ma almeno si fa vedere anche in attacco, ma dietro è troppo istintivo e non ragiona troppo, commettendo errori.

E' lui ad allentare la marcatura su Denis in occasione del primo gol, stava per riscattarsi con il rigore ma era un passo avanti a Stendardo.

Sta imparando il mestiere, nel mentre soffre non poco il dinamismo di Denis.

Sostituito sostanzialmente per disperazione da Guidolin, che capisce in fretta come il serbo non garantisca la sua consueta spinta sulla fascia.

( Porta un po' di verve alla squadra e prova anche la conclusione, murata però da Consigli)

L'assist che manda in gol Denis è suo; un episodio sfortunato, ma a coronamento di una partita nella quale non brilla.

( Forse meno colpevole dei compagni, tutto sommato fa il suo)

Siamo abituati a vederlo attento e sicuro di sè, mentre oggi non riesce a dare ritmo all'Udinese, preso in mezzo dal centrocampo atalantino.

Sulle fasce l'Udinese non gira proprio: lui come Basta soffre tantissimo l'avversario diretto, si innervosisce e quando deve crossare non ne azzecca una.

Un altro che non offre il contributo che ci si aspettava, esce subito dalla partita. ()

Pur senza essere fenomenale, dimostra di star bene: Consigli gli nega la rete, poi fa tanto movimento e crea pericoli, ma gioca sostanzialmente da solo.

Giacomelli gli impedisce di pareggiare sul dischetto: l'unica occasione che avrebbe avuto per lasciare il segno su una gara che in pratica non ha giocato.

All. GUIDOLIN 5,5 Ormai conosciamo talmente bene le sue partenze che ci teniamo il beneficio del dubbio sulla preparazione della squadra; tuttavia, anche lui ammette che questa Udinese non si esprime sui livelli che conosce. La classifica, tuttavia, non è così tragica come vorrebbe far credere.

© Riproduzione Riservata.