BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Probabili formazioni/ Torino-Juventus, le ultime novità (Serie A, sesta giornata)

Pubblicazione:domenica 29 settembre 2013 - Ultimo aggiornamento:domenica 29 settembre 2013, 12.24

Antonio Conte (Infophoto) Antonio Conte (Infophoto)

PROBABILI FORMAZIONI TORINO-JUVENTUS (SERIE A 2013-2014, SESTA GIORNATA): ULTIME NOVITA'– Torino-Juventus apre la sesta giornata di campionato della domenica: una partita di cartello molto attesa dalla città di Torino, ma anche dai i tifosi bianconeri sparpagliati in tutta Italia. Il derby della mole si giocherà nell’insolita cornice delle partite di mezzogiorno, quindi il fischio d’inizio è previsto per le ore 12.30 all’Olimpico di Torino. Entrambe le tifoserie sono in fermento dall’inizio della settimana e stando alle ultime prestazioni delle squadre ci si aspetta una partita avvincente. La Juventus è apparsa leggermente tentennante nella scorsa giornata ma, come già visto domenica scorsa, è riuscita a ribaltare la partita e a portare a casa i 3 punti. Sull’altra sponda del Po troviamo invece un organico che non è sicuramente completo come quello di Conte, ma che si sta rendendo partecipe di un buon calcio e che si trova a quota 8 punti in classifica. La compagine di mister Ventura sembra aver trovato un punto di riferimento in Alessio Cerci, un attaccante con un gran potenziale andato già a segno in queste prime battute di campionato per ben 5 volte. Ecco i "segreti" delle probabili formazioni di Torino-Juventus.

QUI TORINO – I granata arrivano dalla partita contro l’Hellas Verona pareggiata 2-2 e da una vittoria contro il Bologna per 1-2. Stando alle statistiche sembra che il Torino si affidi più alle manovre individuali degli attaccanti che alla costruzione di un gioco che mira al possesso palla. Secondo le statistiche infatti il Toro tiene palla per il 46% dei minuti totali a partita, in media. Molto basso il rapporto tra le occasioni da rete a incontro e il numero di gol segnati: 6 tiri nello specchio della porta su un totale di 12 tentativi e fin’ora i gol fatti sono 8. Il problema della squadra di Ventura è la fase difensiva, infatti le reti subite sono ben 7. Per quanto riguarda la media delle palle giocate per gara è di 544,6 e con questa cifra il Torino si trova 10 posto. Un dato meno incoraggiante viene dal minutaggio medio della supremazia territoriale: solamente 9’:14’’ contro i 15’:54’’ di chi si trova al primo posto per questo dato statistico, ossia la Juventus. È invece mediamente alto il numero della percentuale di passaggi andati a buon fine per queste prime cinque gare di campionato: 70,7%. In attacco si hanno le certezze più palesi per quanto riguarda la partita di oggi, il tandem Cerci Immobile sembra essere la coppia d’attacco in grado di garantire continuità alla compagine granata.

QUI JUVENTUS – Sicuramente i bianconeri cercheranno di portare il più presto possibile il gioco dalla loro impostano il gioco in base alla caratteristiche dei propri giocatori. Per i ragazzi di C0nte un buon possesso palla medio partita, ma non così schiacciante: 54% dei 90 minuti di gioco. La Juventus è particolarmente pericolosa nel settore offensivo soprattutto grazie a Carlos Tevez, anche se gli altri compagni di reparto non sono da meno; una media di 8 tiri nello specchio della porta su un totale di 12 tentativi. Conte cerca sempre di esaltare le qualità tecniche dei giocatori puntando sulla costruzione di manovre avvolgenti: 694 palle giocate in media per gara e 75% dei passaggi riusciti. I bianconeri si tengono spesso nella metà campo avversaria e possono vantare una supremazia territoriale di 15’:54’’. La Juventus è anche la squadra dei recordman: Arturo Vidal e Paul Pogba sono gli assist man di questo confronto rispettivamente con 12 e 11 passaggi prima della conclusione in porta. Il più alto numero di assist vincenti arriva inaspettatamente dal difensore Bonucci, ben 3. Una sfida del tutto particolare riguarda invece i due bomber delle due squadre che vede Cerci in vantaggio su Tevez con 5 reti a 3 dell’argentino.


  PAG. SUCC. >