BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Probabili formazioni/ Roma-Genoa, ultime novità (serie A, 19esima giornata)

Foto InfophotoFoto Infophoto

Gian Piero Gasperini sa di avere a disposizione una squadra che può pensare al grande colpo: ed è esattamente quello che dice in conferenza stampa. "Il campo non porta bene, ma i numeri sono fatti per essere sovvertiti. Sappiamo bene quale sia il valore della Roma, e vincere qui vorrebbe dire dare un volto diverso alla classifica. Stiamo bene fisicamente e atleticamente". Gasperini è uno dei pochi allenatori di Serie A ad essersi già incrociato con Rudi Garcia: lo aveva fatto in Europa League, quando il francese allenava il Lille. "Sono altri tempi, ma erano state due belle partite. Mi era piaciuta di più quella di Marassi", ha ricordato, perchè ovviamente il Grifone aveva vinto. Per quanto riguarda la formazione, "ho pochi dubbi ma dico che la partita va interpretata dal primo all'ultimo minuto, stando attenti alle pieghe, alle alternative e alle soluzioni. Non mi interessa essere una bella squadra, voglio invece efficacia". La formazione è un 3-5-1-1: difesa ormai confermata con Antonini e Marchese riadattati a centrali, sulle fasce spazio per Vrsaljko e Antonelli con il nuovo acquisto Cabral già in campo da regista, affiancato da Matuzalem e Biondini. La punta avanzata sarà Calaiò, con Bertolacci alle spalle. Un modulo leggermente difensivo, ma che in realtà non toglie quella che sarà la spinta sulle corsie laterali e la pericolosità degli inserimenti da centrocampo.

Il Genoa ha tanta qualità anche nelle sue seconde linee: in particolare Fetfatdizis è giocatore che sa saltare l'uomo e creare superiorità numerica, tanto quanto Konate e Stoian. Centurion può dare ordine e tranquillità, forse l'anello debole se così vogliamo chiamarlo è la difesa, con De Maio e Sampirisi che non si sono rivelati troppo affidabili quando chiamati in causa.

Assenze pesanti quelle del Genoa, che deve nuovamente rinunciare a due leader difensivi come Portanova e Gamberini e ha perso per tutta la stagione Kucka, a meno di un recupero che vada al di là delle più rosee aspettative. In più è squalificato Gilardino, 8 gol in campionato e vero e proprio talismano rossoblu: con questa maglia è tornato a candidarsi per un posto ai Mondiali.