BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagelle/ Torino-Fiorentina (0-0): i voti della partita (Serie A, 19^ giornata)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Alessio Cerci, ex della partita (Infophoto)  Alessio Cerci, ex della partita (Infophoto)

PAGELLE TORINO-FIORENTINA: I VOTI DELLA PARTITA (SERIE A, 19^ GIORNATA) - Allo stadio Olimpico di Torino finisce 0-0 l'anticipo dell'ora di pranzo tra Torino e Fiorentina. Le due squadre giocano una partita intensa e fatta di varie occasioni da gol, ma non riescono a sfondare e si accontentano alla fine di un punto a testa, che muove la classifica in attesa delle altre gare del pomeriggio e di domani. Voto Partita, 6.5: il match non offre grandi emozioni, solo qualche spettacolare contropiede granata e giocate individuali dei talentuosi centrocampisti viola. Per il resto, le squadre impostano il gioco più dal punto di vista tattico che tecnico, e così non ci sono grandi occasioni da gol. Voto Torino, 6.5: alla lunga, ai punti probabilmente avrebbe meritato. Perchè se nel primo tempo è da elogiare la sua grande quadratura difensiva, nella ripresa per laghi tratti prende il sopravvento, arrivando a sognare il colpaccio. Alla fine, un punto pieno guadagnato. CLICCA QUI PER LE PAGELLE DEL TORINO Voto Fiorentina, 6: fino al centrocampo, tutto bene. ma senza Gomez e soprattutto Rossi, metterla dentro è un problema. che Montella deve risolvere alla svelta, altrimenti si perderanno altri punti pesanti. CLICCA QUI PER LE PAGELLE DELLA FIORENTINA Voto Arbitro, sig. Valeri, 6.5: direzione tranquilla e impeccabile, partita agonistica ma nè scorretta nè violenta, tutto sommato facile da arbitrare.

PAGELLE TORINO-FIORENTINA: I VOTI DELLA PARTITA (SERIE A, 19^ GIORNATA) - I VOTI DEL PRIMO TEMPO - Il primo tempo di Torino-Fiorentina finisce sul punteggio di 0-0. Che la sfortuna vestisse viola, fino all'anno scorso, era un detto popolare. Da pochi mesi, però, sappiamo che un fondo di verità c'è. Dopo Gomez, infatti, si è rotto anche Rossi, anima della squadra, e la Fiorentina dovrà fare a meno del capocannoniere della serie AA per qualche mese. Brutta notizia, specie perchè là davanti non rimangono più grandi attaccanti, e per continuare a sognare la Champions servono gol, e tanti. Diversa è la situazione in casa granata, dove Cerci e Immobile stanno facendo faville; a parte l'ultimo turno, infatti, il Torino viene da un grande periodo, e cerca punti in casa per restare attaccato al sogno europeo. Tuttavia, il giovane attaccante ex Pescara è infortunato, e titolare parte Barreto.La partita non vive di grandi ritmi: le suqadre lasciano il possesso all'avversario, stando più attente a coprire che a fare un pressing forsennato. Di conseguenza, per la loro natura, la Fiorentina è migliore nel gestire la palla, il Torino più organizzato nell'attendere e ripartire. Questo il canovaccio del primo tempo, che vede le due squadre mostrare il loro lato migliore, senza però riuscire a sopraffare quello dell'avversario. Le occasioni ci sarebbero pure, ma per difetto di mira la rete non viene insaccata. Dopo due minuti, infatti, il sinistro a giro di Cerci è telefonato, e finisce in bocca a Neto. La stessa traiettoria, ma speculare, la ha la punizione di Mati Fernandez, che Padelli in tuffo plastico mette in angolo. Quindi due grandi occasioni ancora per i viola, prima con Roncaglia che al 16' al volo da due passi spara alto in modo incredibile, poi al 21' con Borja Valero, che cerca il colpo di biliardo sul secondo palo ma mette fuori di pochissimo. La parte centrale del primo tempo vede la Fiorentina schiacciare i granata, con una grande occasione per Joaquin, che in seguito ad un angolo non trova la deviazione sottoporta, oltre ad un destro a lato di Borja Valero; al 41' cerci semina il panico nella difesa viola con un contropiede da urlo, ma solo davanti a Neto tira troppo presto, facendosi deviare il pallone in angolo; brivido finale per i granata, con Borja Valero che al 44' sfiora il palo da un metro dopo una grande azione di Cuadrado. 

PAGELLE PRIMO TEMPO Torino, 6: buona organizzazione difensiva, possesso un po' lento, ripartenze affidate al solo Cerci. Migliore Torino, Cerci, 6.5: è  l'unico che tira in porta, solo lui può creare qualcosa di pericoloso. Peggiore Torino, Barreto, 5.5: tanto movimento ma poche soluzioni offensive di spessore.
Fiorentina, 6.5:
meglio nella gestione del possesso, ma anch'essa un po' lenta nel ribaltare le azioni, dando tempo ai granata di riorganizzarsi. Migliore Fiorentina, Borja Valero, 7: se le punte sono rotte, ci pensa lui, che fa centrocampista, attaccante, e molto altro. Sfiora il gol più volte, in azioni che spesso lui stesso avvia. Peggiore Fiorentina, Cuadrado, 5.5: poco coinvolto, si accende a sprazzi, rari.



  PAG. SUCC. >