BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Australian Open 2014/ Tennis, Fognini agli ottavi, ma ora c'è Djokovic

Tennis Australian Open 2014, Fabio Fognini batte Sam Querrey in tre set e si qualifica agli ottavi di finale, dove però affronteròà il tre volte campione in carica Novak Djokovic

Foto Infophoto Foto Infophoto

TENNIS AUSTRALIAN OPEN 2014 - Anche Fabio Fognini accede al tabellone degli ottavi di finale degli Australian Open. Non si ferma la marcia del sanremese, soprattutto prosegue senza tentennamenti alcuni: contro Sam Querrey (7-5, 6-4, 6-4) una lieve battuta d'arresto c'è stata soltanto nel primo set, quando l'americano si è portato avanti di un break minacciando di partire in vantaggio nella partita. Fognini però è stato bravissimo a recuperare, chiudere 7-5 e poi non voltarsi più indietro. Bravo Fabio: contro un giocatore che serve molto bene, la vittoria sul cemento non era scontata. Il problema per il nostro tennista è che adesso la strada si incrocia con quella di Novak Djokovic: nessun problema per il serbo, che ha vinto le ultime tre edizioni del torneo, nel liberarsi di Denis Istomin pur non sfruttando la prima occasione di chiudere ma rifacendosi immediatamente (6-3, 6-3, 7-5). A meno di un miracolo, a meno di una non perfetta condizione del numero 2 al mondo, il torneo di Fabio è destinato a fermarsi al quarto turno; tuttavia, finchè non si gioca le nostre - e sue - speranze restano intatte. Tommy Robredo batte a sorpresa Richard Gasquet in quattro set, e se la vedrà ora con un riposato Stanislas Wawrinka: la giovane promessa canadese Vasek Pospisil non ha recuperato dal suo problema alla schiena e già ieri aveva annunciato il suo ritiro dal tabellone.

TENNIS AUSTRALIAN OPEN 2014 - Quinto giorno al Melbourne Park, secondo giorno di pioggia. Una liberazione per i giocatori: di solito non si vede l'ora di scendere in campo perchè tensione e adrenalina sono al massimo, ma il caldo tremendo che i protagonisti degli Australian Open hanno dovuto sopportare in questa prima settimana di Slam rende salvifica anche solo un'interruzione di mezz'ora. E' andata un po' meno bene a Fabio Fognini, costretto a fermarsi avanti di un set (vinto in rimonta) e sullo 0-1 contro Sam Querrey; il sanremese aveva l'inerzia dalla sua e ora dovrà ritrovare la concentrazione giusta, caratteristica questa nella quale difetta un po'. Nel frattempo però si sono chiuse alcune partite: praticamente tutto il tabellone femminile, e c'è la notizia positiva di una Flavia Pennetta qualificata agli ottavi dopo la vittoria netta contro Mona Barthel (6-1, 7-5). Come da previsione la brindisina se la vedrà con Angelique Kerber, che domani festeggia 26 anni: al quarto turno di uno Slam era già successo agli Us Open 2011, allora era stata la tedesca ad avere la meglio ma oggi i tempi potrebbero essere cambiati. Avanza senza problemi la numero 1 al mondo Serena Williams che infligge una dura lezione a Daniela Hantuchova: dagli ottavi il cammino potrebbe essere più duro, ma la forma sembra quella migliore. Affronta ora Ana Ivanovic: la serba, perso il primo set con un tie break tirato, ha poi domato la padrona di casa Samantha Stosur infliggendole una sconfitta netta. Pareggia il risultato ottenuto qui nel 2013: per andare oltre avrà bisogno di un mezzo miracolo. Australiani in festa sulla Rod Laver Arena: a Casey Dellacqua, specialista di doppio (gioca con Ashleigh Barty: l'anno scorso battute in finale da Errani/Vinci) hanno regalato il campo centrale e lei ha risposto battendo la cinesina Jie Zheng e volando agli ottavi, dove però partirà sfavorita contro la diciannovenne Eugenie Bouchard, ormai in rapidissima ascesa (battuta Lauren Davis). L'altra qualificata agli ottavi di finale è Ekaterina Makarova, che da pronostico si è liberata di Monica Niculescu; giocherà contro Na Li, che ha concesso il primo set a Lucie Safarova ed è stata portata al tie brek nel secondo, per poi stravincerlo e prendersi la partita. Nel tabellone maschile (parte bassa) gran partita sulla Margaret Court Arena, dove Kevin Anderson recupera due set di svantaggio a Edouard Roger-Vasselin e si regala un ottavo contro Tomas Berdych (facile su Dzumhur, sorpresa del torneo); avanti anche David Ferrer (contro Jeremy Chardy), mentre stecca ancora una volta Jerzy Janowicz, sconfitto da Florian Mayer. Brutta bestia per tutti il tedesco, ma il polacco che festeggia le vittorie strappandosi le magliette è atteso a una consacrazione che per il momento sta tardando ad arrivare. In serata in campo anche Novak Djokovic contro Denis Istomin. (Claudio Franceschini)

CLICCA SUL PULSANTE > QUI SOTTO PER IL DETTAGLIO DEI RISULTATI DEL TERZO TURNO DEGLI AUSTRALIAN OPEN 2014