BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Probabili formazioni/ Udinese Lazio: Marchetti out, c'è Berisha (Serie A, 20^ giornata)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

PROBABILI FORMAZIONI UDINESE LAZIO (SERIE A, VENTESIMA GIORNATA): TUTTE LE NOTIZIE ALLA VIGILIA - Si apre oggi il girone di ritorno della Serie A 2013-2014; due gli anticipi, ma domani ci sono ben otto partite e il programma è aperto dal consueto appuntamento delle 12,30. Udinese-Lazio è una gara tra due squadre che cercano disperatamente di migliorare la loro classifica: i biancocelesti stanno un po' meglio, hanno 24 punti e sembrano essersi lasciati il peggio alle spalle. Non così l'Udinese, che di punti ne ha 20 e ha perso nettamente le ultime due, rischiando così di ritrovarsi immischiata in una lotta per la salvezza alla quale non è più abituata, e forse nemmeno è troppo attrezzata. Arbitra Rocchi. 

QUI UDINESE - Due sconfitte consecutive hanno sprofondato l'Udinese nei bassifondi della classifica: tre anni consecutivi in Europa, ora una situazione che non era prevista alla vigilia e che fa preoccupare i tifosi, perchè sembra che anche un mago della tattica come Francesco Guidolin non abbia ancora trovato le giuste alchimie per dare vigore alla squadra. Per dare un'idea delle difficoltà friulane basta citare un dato: il primo per tiri effettuati è Antonio Di Natale, che con 55 conclusioni ha realizzato appena 4 gol. Alle sue spalle Luis Muriel, 3 reti ma soprattutto un periodo di stop per infortunio che ormai si protrae a lungo. Ovvero: i friulani non riescono a creare occasioni da rete effettive, e infatti sono appena dodicesimi per pericolosità offensiva (45,6%) e per tiri nello specchio della porta (quasi 4 e mezzo a partita). Il vero problema è questo, generato da uno sbandamento tattico inevitabile e nel quale i giocatori vanno in affanno, ovviamente concedendo campo alle ripartenze avversarie. Preoccupa anche la fase difensiva: 28 gol incassati, e si paga fin troppo l'assenza di un playmaker di ruolo (Allan non lo è). tanto che la squadra è dodicesima anche per precisione nei passaggi pur avendo più di 26 minuti di possesso palla (ottavo dato). Muriel procede verso il rientro in campo (potrebbe farcela per la panchina), Brkic resta in dubbio (pronto ancora Kelava), mentre la sconfitta di Genova ha lasciato strascichi a livello displinare: Allan e Gabriel Silva, espulsi, sono squalificati. 

QUI LAZIO - Edi Reja ha già portato frutti a questa formazione. Il suo ritorno in panchina è coinciso con la vittoria sull'Inter in campionato e quella contro il Parma in Coppa Italia, inframmezzate dallo 0-0 di Bologna. Per il momento non si è visto un gioco brillante e arioso, ma il primo compito del tecnico friulano era quello di ridare compattezza a una squadra che si era ben comportata in difesa negli ultimi anni e aveva invece incassato 26 reti nelle prime 17 giornate di Serie A; con lui le cose sono decisamente migliorate, un solo gol subito nelle tre partite allenate. Ci sarà tempo e spazio per lavorare sul resto: la Lazio punta all'Europa e per farlo ha bisogno di ritrovare i gol di Miroslav Klose (solo 5, ma con una media ancora accettabile considerando che le gare giocate sono solo 13) e una fluidità di gioco da cui poi, giocoforza, deriverà tutto il resto. La buona notizia è che Mauri sta per rientrare in campo, quella brutta che Ledesma è squalificato e che Radu si è procurato una lesione di primo grado al semimembranoso della coscia destra, ed entra così nella lista degli indisponibili insieme a Cana e Novaretti. Anche Marchetti potrebbe recuperare per andare in campo, pur se Berisha ha dato buone risposte nel corso della sua titolarità e non è detto che Reja decida di non forzare il rientro dell'ex AlbinoLeffe.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.