BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Probabili formazioni/ Inter Catania: ultime novità (serie A, 21^ giornata)

Probabili formazioni Inter-Catania, ultime novità. Le possibili scelte di Walter Mazzarri e Rolando Maran per la partita di San Siro, valida per la 21^ giornata di Serie A. Si gioca alle 15

(infophoto) (infophoto)

Alle 15 di oggi, agli ordini dell'arbitro De Marco, si gioca Inter-Catania, partita valida per la 21^ giornata del campionato di Serie A. Sono 32 i punti dei nerazzurri, che continuano a inseguire il terzo posto e rimangnono a contatto per i costanti rallentamenti del Napoli; 13 quelli degli etnei, che hanno bisogno di un risultato favorevole per abbandonare l'ultima posizione in classifica. 

Queste le dichiarazioni principali di Walter Mazzarri nella conferenza stampa della vigilia: “Per una serie di considerazioni non convocherò Guarin. Tutte le mie energie in settimana sono state indirizzate a far concentrare la squadra solo sulla partita, cosa per cui bisogna avere la testa libera. Ho parlato individualmente con i ragazzi, ho chiesto di non leggere i giornali e concentrarsi sul Catania, è importante vincere e ho visto tutti convintissimi e pronti a riscattarsi. Non vedo l'ora che il mercato finisca. Dobbiamo cercare di arrivare ai tre punti in ogni modo. Le altre partite che arriveranno saranno meno difficili, per assurdo, rispetto a quelle contro le squadre meno blasonate. A me piace più affrontare club che giocano a viso aperto e spero di fare bella figura come abbiamo sempre fatto. I punti che mancano sono causati da episodi. Situazione complicata? È il mio destino, faccio parte di chi si deve sudare tutto, ma le sfide difficili mi piacciono. Ho pensato alle dimissioni? Perché, avrei dovuto? Un comandante che crede nel gruppo e sente di avere grande stima è contento. Se i ragazzi non mi seguissero potrei pensare alle dimissioni, ma la mia esperienza insegna che col lavoro e i fatti i ragazzi ti seguono e lo fanno ancor di più all'Inter. Sono qui da sei mesi con giocatori nuovi a cui dovevo dare una logica tattica, ci sono tante cose da fare e per questo serve pazienza. Sono abituato a gestire le cose e a metterci la faccia da solo. Se c'è personalità ci si può esporre, io non sento la mancanza della società”. Confermato il centrocampo a 4 con la presenza di Kuzmanovic, ormai stabilmente tra i titolari; davanti a loro agiscono due mezzepunte come Palacio e Ricky Alvarez, Diego Milito si prende il posto di attaccante centrale. E' una soluzione molto simile a quella del primo Napoli di Mazzarri. In difesa confermato Rolando al centro dello schieramento.

Andrea Ranocchia potrebbe partire: non è più un titolare e negli ultimi giorni il pressing del Borussia Dortmund è stato forte. Si ragiona sulla giusta offerta, ma la sensazione è che l'operazione si possa fare. Due rientri importanti per Mazzarri: quelli di Kovacic e Icardi. L'ex della Sampdoria è in ballottaggio con Milito per una maglia, ma dovrebbe partire dalla panchina. Anche Kovacic è pronto a dare il suo contributo a gara in corso.

Sempre fermi Chivu e Mudingayi (il belga potrebbe andare al Genoa), non è stato convocato Fredy Guarin: la posizione del colombiano è difficile, avendo fatto sapere di volere la Juventus si è messo contro i tifosi. In settimana la società gli ha dato due giorni di permesso e sarebbe stato difficile vederlo in campo oggi; tuttavia il suo futuro resta da definire, la società sta cercando di capire se ci siano i margini per venderlo all'estero (si è parlato anche di Napoli).