BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Diretta/ Fiorentina-Genoa (3-3): cronaca e tabellino (Serie A, 21^ giornata)

Diretta Fiorentina-Genoa 3-3: risultato finale, cronaca e tabellino. Il posticipo della ventunesima giornata del campionato di Serie A si conclude in parità: grande tripletta di Aquilani

Foto InfophotoFoto Infophoto

Gran posticipo all'Astemio Franchi di Firenze: Fiorentina e Genoa si spartiscono la posta in palio dopo uno spettacolare 3-3, firmato dalla tripletta di Aquilani per la viola e dai gol di Gilardino, Antonini e De Maio per il Grifo. Classifica: Fiorentina al quarto posto con 41 punti, a meno 3 dal Napoli terzo; Genoa a centro classifica con 27 a +10 dal terzultimo posto del Sassuolo. Prossima giornata: Fiorentina in trasferta contro il Cagliari (sabato 1 febbraio, ore 18:00), Genoa in casa contro la Sampdoria (domenica 2 ore 12:30). 

Il primo tempo tra Fiorentina e Genoa si è concluso con il risultato di 2 a 2. La partita è stata molto bella e ha tenuto ritmi molto alti per tutta la prima frazione di gioco. In avvio a rendersi pericolosa è stata la Fiorentina con Matri che, servito in area da Cuadrado, ha saltato Perin in uscita ma è stato poi chiuso da De Maio in scivolata. A tale occasione ha poi risposto Gilardino che, imbeccato in area da Konate, è stato anche lui chiuso in corner. Dopo una prima metà di tempo molto bloccata, la partita si è sbloccata al 27', grazie al gol del vantaggio del Genoa su rigore: Antonelli è caduto in area per un intervento di Neto che in realtà non lo ha preso e l'arbitro ha decretato il calcio di rigore; dal dischetto Gilardino ha battuto Neto mandando il pallone all'incrocio dei pali. Dopo appena 6' la reazione dei viola si è concretizzata con il gol dal dischetto di Aquilani: De Maio ha affossato Ambrosini in area e dal dischetto Aquilani non ha avuto problemi nel spiazzare Perin, riportando il match in parità. La Fiorentina non ha fatto nemmeno in tempo ad esultare dato che sull'azione successiva il Genoa è tornato immediatamente in vantaggio grazie ad Antonini: con un rimpallo Matuzalem ha servito Antonini in area che, solo davanti a Neto, lo ha battuto con un bel diagonale. I viola però non hanno smesso di crederci e nel finale, precisaente al 42', dopo svariati attacchi, hanno trovato nuovamente il pareggio, sempre con Aquilani: da un cross di Pasqual, si è accesa una mischia in area, con Ambrosii che ha servito Aquilani al centro e il centrocampista che ha spiazzato Perin, realizzando la sua doppietta personale. Così il primo tempo tra Fiorentina e Genoa è terminato con il risultato di 2 a 2.

Il secondo tempo tra Fiorentina e Genoa è terminato con il risultato di 3 a 3. e squadre sono rientrate in campo dagli spogliatoi con gli stessi giocatori che avevano terminato il primo tempo. La Fiorentina ha ricominciato a giocare in modo più aggressivo che nel primo tempo e ha sfiorato subito il gol. Per primo ci ha provato Cuadrado con un tiro dal limite che è terminato alto sopra la traversa per una deviazione di De Maio. Poi Aquilani ha insaccato di testa sugli sviluppi di un corner, ma il gol è stato annullato perchè la posizione del centrocampista è stata considerata irregolare. Il Genoa dopo un'iniziale sofferenza ha risposto in contropiede e su un cross di Antonini Konate di testa ha centrato in pieno il palo, rischiando di trovare il primo gol in serie A. Al 57' poi i padroni di casa sono passati in vantaggio: Joaquin ha recuperato palla sulla trequarti avversaria e ha mandato in porta Aquilani che di destro ha battuto Perin grazie anche alla deviazione di un difensore, realizzando la sua personale tripletta. Dopo il vantaggio la squadra di casa ha provato ad abbassare i ritmi e solo nel finale il Genoa è riuscito a reagire. Prima ci ha provato Stoian con un tiro dalla distanza che è terminato di poco alto e poi al 78' il grifone ha trovato il pareggio con il gol di De Maio: sugli sviluppi di un corner Antonini ha fatto la sponda per il difensore centrale che da due metri ha insaccato in rete. Dopo il gol subito la Fiorentina si è buttata in avanti alla ricerca del gol vittoria, ma ha prodotto una sola occasione: un tiro di Roncaglia che ha sfiorato il palo alla sinistra di Perin. Così la partita è terminata sul risultato di 3 a 3. (Matteo Lambicchi)

Al 78' minuto di gioco Fiorentina 3 Genoa 3. Pareggio del Genoa realizzato dal difensore francese Sebastien De Maio, che timbra il primo cartellino-gol in Serie A. Sul cross dalla fascia destra (calcio d'angolo) Antonini spizza di testa e in mischia De Maio trova la deviazione vincente, sul secondo palo.

Al 57' minuto di gioco Fiorentina 3 Genoa 2. Ancora a segno Alberto Aquilani, che realizza la sua prima tripletta in Serie A. Bel destro del numero 10 viola che sfrutta un passaggio filtrante di Joaquin per colpire forte col destro: deviazione leggera ma influente di Burdisso, che in scivolata prova ad evitare il peggio ma finisce per spiazzare il proprio portiere. Gol numero 4 in campionato per Aquilani.

Al 42' minuto di gioco Fiorentina 2 Genoa 2. Ancora Alberto Aquilani a segno per la Viola: il centrocampista scuola Roma realizza con un bel destro rasoterra scagliato in mischia, dopo un cross dalla sinistra di Joaquin rifinito di tacco dallo stesso Aquilani. Che ha realizzato tutti i suoi tre gol in campionato contro il Genoa, contando anche la rete della sfida di andata. Bella partita al Franchi.

Al 34' minuto di gioco Fiorentina 1 Genoa 2, gol di Luca Antonini. Nuovo e repentino vantaggio rossoblu con il secondo gol in campionato dell'ex difensore del Milan. Antonini si è inserito in area, partendo da posizione probabilmente irregolare (un piede oltre Savic ultimo uomo) sul passaggio di Matuzalem, che vince un rimpallo sulla trequarti e quasi involontariamente lancia il compagno.

Al 33' minuto di gioco Fiorentina 1 Genoa 1. Gol realizzato da Alberto Aquilani che realizza freddamente un altro tiro dal dischetto, spiazzando Perin con un destro basso alla sua destra. Panalty concesso per presunta trattenuta in area di De Maio (ammonito) su Ambrosini: anche in questo caso più di un dubbio, il contatto pare davvero veniale. Secondo gol in campionato per Aquilani.

Al 27' minuto di gioco Fiorentina 0 Genoa 1. Il gol del Grifone è stato realizzato da Alberto Gilardino, che segna dal dischetto calciando poco sotto l'incrocio dei pali alla sinistra di Neto, che intuisce il lato ma non può arrivarci. Penalty molto contestato dai giocatori viola: sul passaggio in area di Gilardino Antonelli si allunga la palla e la sposta sull'uscita di Neto, poi va giù quasi con qualche attimo di ritardo; forse non è simulazine, perchè un ginocchio del portiere tocca un piede del genoano, ma i tempi di caduta restano sospetti. Non gol in campionato per Gilardino.

Dopo 20 minuti di gioco, Fiorentina 0 Genoa 0. Partita senza troppe emozioni: per il momento le due squadre si controllano bene e non si fanno del male. Sono i viola ad andare più vicino al gol: Matri dopo pochi minuti viene lanciato in profondità e riesce a saltare Perin, ma si allarga troppo e il portiere (c'era anche De Maio in chiusura) si salva in angolo. Intorno al 15' è invece Pasqual a controllare un pallone vagante in area (cross di Cuadrado che nessuno tocca), ma lo stop di petto gli fa ritardare la conclusione che viene murata da Antonini. Il Genoa prova a ripartire, ma a parte una bella iniziativa di Gilardino (imbucata troppo lunga per Konate) non fa male alla Viola.

Comunicate le formazioni ufficiali di Fiorentina-Genoa, posticipo valido per la 21^ giornata del campionato di Serie A 2013-2014.  1 Neto; 4 Roncaglia, 15 Savic, 5 Compper, 23 Pasqual; 10 Aquilani, 7 D. Pizarro, 21 Ambrosini; 11 Cuadrado, 32 Matri, 17 Joaquin. A disp: 12 Lupatelli, 25 Rosati, 8 Bakic, 9 Rebic, 14 Mati Fernandez, 27 Wolski, 30 Matos, 34 Venuti, 66 J. Vargas, 72 Ilicic, 77 Iakovenko, 83 Olivera. All. Montella.  1 Perin; 3 Antonini, 4 De Maio, 8 Burdisso, 15 Marchese; 77 Konaté, 91 Bertolacci, 27 Matuzalem, 29 De Ceglie, 13 Antonelli; 11 Gilardino. A disp: 32 Donnarumma, 53 Bizzarri, 9 Stoian, 14 Cofie, 16 Calaio', 18 Fetfatzidis, 20 Vrsaljko, 21 M. Motta, 26 Centurion, 69 Sturaro, Tavares, 90 Portanova. All.: Gasperini. 

I viola devono fare i conti con numerose assenze  e Montella ha deciso di fare qualche correzione al modulo con il quale i toscani sono abituati a giocare. Il 4-3-2-1 che scenderà in campo da più spazio alle vie centrali per sfruttare la potenza fisica di Matri. L’unico giocatore che proverà a ritagliarsi uno spazio in attacco sulla corsia laterale è Cuadrado che come al solito proverà ad accentrarsi per cercare la conclusione a rete. In vista della difficile trasferta contro la Fiorentina, Gasperini imposta la gara sulla difensiva optando per un 4-5-1. La sensazione è che la squadra farà di tutto per cercare di portare a casa almeno un punto cercando di chiudere al meglio i varchi a partite dalla linea di centrocampo.

Stando aivalori espressi dalla classifica la Fiorentina è la squadra che ha più possibilità di portare a casa i tre punti in palio. Il Genoa sta disputando un buon campionato ma i punti che la separano dai viola sono ben 14 e il fattore campo gioca a favore dei ragazzi di Montella. Per questi motivi, la Snai da la vittoria della Fiorentina a 1,33, il pareggio a 3,75 e il successo del Genoa a 1,95. Alcune giocate particolarmente interessanti possiamo trovarle sotto la voce Parziale/finale: l’X-2 e il 2-X moltiplicano la vostra posta in gioco rispettivamente per 4,25 e 15. La scommessa 1-2 è quella che comunque ripaga meglio la somma che avete deciso di puntare, la quota sale a 25. Se avete intenzione di indovinare il numero di reti totali alla fine dei novanta minuti di gioco, rivolgete la vostra attenzione sulla “Somma gol finale” 2 e 3 quotate rispettivamente 3,30 e 4,00. Vi sentite particolarmente fortunati quest’oggi? Allora è il caso di puntare sul risultato esatto:  l’1-1 è dato a 6,00, l’1-2 a 8,00. 

La Serie A torna in campo per la 21^ giornata, seconda di ritorno: il posticipo di questa sera, alle ore 20:45, è Fiorentina-Genoa. Partita molto interessante tra due squadre che giocano molto bene a calcio e che, se rapportate ai loro obiettivi di inizio stagione, stanno tenendo fede ai pronostici. I viola occupano la quarta posizione in campionato: hanno 40 punti e inseguono la terza da cui accusano tre lunghezze di ritardo. Il Grifone ha 26 punti: culla ambizioni europee, sa che sarà difficile ma intanto dovrebbe essersi definitivamente staccato dalla lotta per non retrocedere, un grande passo in avanti se consideriamo che nelle ultime due stagioni i rossoblu si sono salvati per il rotto della cuffia. Tre punti alla portata comunque per la Fiorentina, che può continuare la sua corsa e il suo ottimo 2014; ma il Genoa è squadra tignosa che, lo ha dimostrato anche lo scorso anno in ben altra situazione, non molla mai. Allora finì 3-2: i padroni di casa passarono in vantaggio con Aquilani ma subirono il pareggio di Portanova, pensavano di aver vinto con la rete di Cuadrado ma ancora dovettero trovarsi sulla parità con il gol di Antonelli. Alla fine fu Cassani a infilare la sua porta dando la vittoria alla Viola; in generale si parla di 42 partite andate in scena. Sono 29 le vittorie della Fiorentina al Franchi, appena tre quelle del Genoa con 10 pareggi. E' davvero datata l'ultima affermazione del Genoa a Firenze: furono Pruzzo e Arcoleo a ribaltare l'iniziale vantaggio viola di Casarsa. I doppi ex sono tanti: le due società si sono scambiate i giocatori spesso e volentieri, oppure ci sono calciatori che in periodi diversi hanno comunque vestito entrambe le maglie. Si può addirittura abbozzare un'ideale formazione, guidata da Fabio Liverani che, oltre ad avere iniziato la stagione come allenatore del Genoa, ha giocato nella Fiorentina (un altro doppio ex tra i tecnici è Alberto Malesani). In porta ovviamente Sebastien Frey; terzini Mattia Cassani ed Emiliano Moretti, centrali Dario Dainelli e Alessandro Lucarelli. A centrocampo Marco Rossi, che è stato bandiera e capitano dei liguri; Mauro Bressan (autore di una spettacolare rete al Camp Nou contro il Barcellona, quando giocava con i viola) e Giovanni Tedesco con Juan Vargas sulla corsia sinistra; infine una coppia di attaccanti che si giocano anche un posto al prossimo Mondiale, Alberto Gilardino che tuttora gioca nel Genoa e Luca Toni, che vi è transitato per i primi sei mesi della stagione 2010-2011. A disposizione i vari Berti, Delli Carri, Tomovic e Gamberini.

La Fiorentina come dicevamo ha iniziato molto bene l'anno 2014. Tre partite giocate in campionato, due vittorie e un pareggio: 1-0 al Livorno, 0-0 a Torino, 3-0 a Catania. L'ultimo gol subito da Neto risale allo scorso 8 dicembre, Roma-Fiorentina 2-1 (Destro): il portiere brasiliano non subisce una rete da 473 minuti, un bel traguardo per un giocatore che era stato ampiamente messo in discussione all'inizio della stagione, nonostante Vincenzo Montella lo avesse preferito ad Emiliano Viviano (altro doppio ex, anche se nel Genoa tecnicamente non ha mai giocato). Certo la Fiorentina, che con 20 gol subiti è una delle migliori difese del torneo, deve ancora dimostrare di avere la solidità di Juventus e Roma; è quello che potrebbe fare la differenza per la corsa alla Champions League, che lo scorso anno si è chiusa amaramente con il Milan qualificato ai playoff ma quest'anno vuole essere portata a compimento. Nel frattempo il bilancio in casa parla di 6 vittorie, 2 pareggi e una sconfitta; se il 2-1 subito dal Napoli ci può stare (pur se rischia di essere sanguinoso anche e soprattutto per gli scontri diretti), i pareggi di inizio stagione contro Cagliari e Parma pesano come macigni. A proposito degli isolani, contro di loro lo scorso 15 settembre si è infortunato Mario Gomez: doveva rimanere fuori 7-8 settimane, siamo già arrivati a più del doppio e ancora non è chiaro quando il tedesco tornerà in campo. Con anche Giuseppe Rossi infortunato, una brutta tegola. Il Genoa ha cambiato tutto con Gian Piero Gasperini: richiamato a sostituire Fabio Liverani, in 14 giornate di campionato ha raccolto 22 punti portando la squadra fuori dalla zona calda della classifica e arrivando quasi a sfiorare le posizioni da Europa League. Una flessione c'è stata ma sembra essere stata superata; soprattutto il Grifone è diventata mentalmente solida, come dimostrano le ultime giornate: dopo cinque partite senza vittoria, culminate nella sconfitta di Bologna, il Genoa ha sfruttato il turno favorevole battendo il Sassuolo. Ha perso 4-0 all'Olimpico contro la Roma, ma ha subito rialzato la testa e vinto 1-0 contro l'Inter, resistendo per tutta la partita e poi segnando nel finale. A livello di qualità la rosa c'è; Enrico Preziosi sta dando vita al solito calciomercato invernale massiccio vendendo Manfredini e Biondini al Sassuolo e portando a Marassi Cabral, Motta, De Ceglie e Nicolas Burdisso. Il bilancio esterno parla di due vittorie, due pareggi e sei sconfitte; i gol segnati lontano da Marassi sono 8, quelli subiti 14 e la solidità difensiva (24 reti incassate) è un altro dei segreti di Gasperini, che ha confermato la fiducia in un cresciutissimo Mattia Perin. Vedremo se questa partita andrà come da pronostico: i viola sono naturalmente favoriti anche e soprattutto perchè giocano in casa, dall'altra parte però c'è un Genoa che non ha assolutamente intenzione di lasciare punti facili e cerca il colpo da tre punti, o magari anche solo un pareggio che darebbe morale. Non resta allora che dare la parola al campo: la diretta di Fiorentina-Genoa sta per cominciare...