BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Pagelle/ Juventus-Roma (3-0): i voti della partita (Serie A, 18^giornata)

Roma

De Sanctis, 6: sui gol non può nulla, se non nel primo, dove potrebbe coprire meglio il suo palo. Per il resto non ha mai preso così tanti gol in una sola partita da quando è a Roma.

Maicon, 6: prova a tenere sulla fascia e a spingere con continuità; sembra l'unico che possa mettere in difficoltà la retroguardia juventina, ma alla fine non ci riesce.

Castan, 4,5: si perde Bonucci in occasione del secondo gol e si prende il rosso diretto per aver parato il colpo di testa di Chiellini che causa il rigore del terzo gol. Prestazione da dimenticare.

Benatia, 6: è l'unico che regge in difesa, dato che prova a coprire le falle lasciate dai compagni. Ma è troppo anche per lui.

Dodò, 5,5: ci prova a spingere, ma spesso è costretto a difendere, facendolo con dignità. (Torosidis, dal 54', senza voto).

Strootman, 4,5: prestazione incolore dell'olandese, che fino ad adesso era stato un punto fermo dello schieramento di Garcia. Sbaglia tantissimo in impostazione ed è molto nervoso.

De Rossi, 5: subisce il centrocampo avversario, non riesce a coprire bene la difesa e si fa buttare fuori per un fallo sgangherato su Chiellini quando la sua squadra era sotto di due reti.

Pjanic, 5: gioca molle, forse anche per colpa della botta subita nel primo tempo; fatica ad entrare in partita e viene sostituito. (Destro, dal 54', senza voto).

Ljaijc, 4,5: non salta mai l'uomo, è impreciso sotto rete e commette falli inutili. Prestazione da dimenticare.

Totti, 4,5: si fa mangiare dai difensori bianconeri, non riesce mai a tenere un pallone e di conseguenza non è mai nel vivo del gioco. Forse sarebbe meglio giocare prima di parlare. (Florenzi, dal 70', senza voto).

Gervinho, 5,5: si salva rispetto ai due compagni di reparto; ma non può mettere in campo le sue qualità dato che non ha spazio e la Juve è molto corta.

All. Garcia, 5: tatticamente viene distrutto da Conte, che non permette alla Roma di giocare come vorrebbe il suo allenatore. Prova a cambiare in corsa, ma non riesce a modificare l'andamento della partita.

(Matteo Lambicchi)

© Riproduzione Riservata.