BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Probabili formazioni/ Parma-Torino, ultime novità (serie A, 18esima giornata)

Le probabili formazioni di Parma-Torino: le ultime novità sulla partita valida per la diciottesima giornata del campionato serie A. Fischio d'inizio previsto per le 15.00

Ciro Immobile (Infophoto) Ciro Immobile (Infophoto)

Alle 15 di oggi si gioca Parma-Torino, partita valida per la diciottesima giornata del campionato di Serie A. Si tratta di due squadre che godono di ottima salute: i ducali non perdono da sei partite, i granata da cinque e hanno vinto le ultime tre, una striscia che non si verificava dal 2006. Entrambe guardano all'Europa, sapendo bene che l'obiettivo principale resta comunque quello della salvezza. Arbitra Russo.

Roberto Donadoni è consapevole che per aver ragione del Torino bisognerà scendere in campo con una certa determinazione. "Sono in una serie decisamente positiva e stanno bene; hanno giocatori di qualità ai quali non vanno concessi spazi, servirà una grande prestazione come temperamento e mentalità. In più, come anche per le altre squadre, dovremo capire come è stata sfruttata e gestita la sosta". C'è stato tempo anche per rispondere alle domande sul possibile addio di Antonio Cassano. "Si è sempre sentito un giocatore del Parma, e nella misura in cui ha voglia di dimostrare il suo valore noi trarremo dei benefici". In campo l'ormai consolidato 4-3-3, con Cassano che gioca da finto attaccante; Acquah e Parolo agiscono da interni con Marchionni in posizione di regista, ormai collaudata; Cassani-Mendes-Lucarelli-Mesbah la linea difensiva.

Si siede Gabriel Paletta, uscito anzitempo dall'ultima partita e non ancora al meglio; torna a disposizione Stefano Okaka, mentre c'è Amauri che fin qui non ha ancora segnato ma lo scorso anno, in casa contro il Torino, realizzò addirittura una tripletta e potrebbe sfruttare l'occasione per tornare ad assaporare la gioia del gol. 

Ancora ai box Pavarini, mentre si avvicina il rientro dello sfortunatissimo Galloppa: non dovrebbe essere prima di metà febbraio, ma forse si intravede la luce in fondo al tunnel.