BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Moviola Serie A/ Diciottesima giornata, i casi delle partite: errori pro Catania, Napoli e Lazio

Conclusa la diciottesima giornata del campionato di Serie A 2013-2014, la penultima del girone di andata: qualche caso da moviola ma nel complesso arbitri positivi

(INFOPHOTO)(INFOPHOTO)

La diciottesima giornata di campionato ha riservato qualche caso da moviola: le direzioni arbitrali sono state globalmente soddisfacenti ma tra le partite della Befana spiccano alcuni errori ed imprecisioni. Catania-Bologna 2-0 Arbitro il signor Orsato della sezione di Schio. Due i casi sotto osservazione ovvero i due gol della formazione di casa. I siciliani passano in vantaggio al 24' minuto grazie ad un colpo di testa di Bergessio, direttamente da calcio di punizione di Lodi. Il gol era da annullare perché il numero 9 catanese parte da posizione di fuorigioco, al momento del cross del compagno; oltretutto Bergessio non è il solo a trovarsi in posizione irregolare: la difesa del Bologna sale con i tempi giusti e in fuorigioco finiscono almeno tre giocatori del Catania. In questo caso l'errore è del guardalinee Giallatini. Nessun dubbio invece sull'episodio da cui il rigore del 2-0: Peruzzi crossa basso dalla destra e il bolognese Morleo, in scivolata, devia con il braccio destro staccato dal corpo. Genoa-Sassuolo 2-0 Arbitro il signor Rocchi della sezione di Firenze. Non manca la carne al fuoco a partire dal primo gol del Genoa, arrivato su calcio di rigore concesso per fallo di Gazzola su Antonelli. Sul traversone proveniente dalla fascia destra, e spiovente sul secondo palo, il difensore del Sassuolo si trova dietro rispetto a quello del Genoa, ed appoggia le mani sulle sue spalle trattenendolo leggermente. Antonelli accentua la caduta e l'arbitro concede un rigore sicuramente fiscale, ma non del tutto inammissibile perché il regolamento punisce ogni "attività extra" dei giocatori con le braccia. Nella ripresa Gilardino si invola verso la rete ed entra in area dal lato destra, poi cade per la trattenuta di Antei che ne afferra nettamente la maglia. L'arbitro opta per la punizione dal limite ma il contatto sembra concretizzarsi in area: ci stava il secondo rigore per il Genoa. Che arriva comunque poco dopo, quando su un corner dalla sinistra Bianco trattiene Gilardino sul secondo palo, ostacolandone irregolarmente il tentativo di salto. Milan-Atalanta 3-0 Arbitro il signor Peruzzo della sezione di Schio. Il dubbio principale riguarda il gol annullato al difensore dell'Atalanta Benalouane, al sesto minuto del secondo tempo e sul risultato di 1-0. Sul cross dalla destra il francese si libera del connazionale Mexes appoggiandogli le mani sulla schiena con una leggera spinta. Come nel caso Gazzola-Antonelli di cui sopra, si tratta di un contatto non clamoroso ma punibile a norma di regolamento.