BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Thomas Hitzlspeger/ Outing dell'ex centrocampista della Lazio: sono omosessuale

Thomas Hitzlsperger dichiara la propria omosessualità: l'ex centrocampista tedesco, che ha giocato anche nella Lazio, ha fatto outing su un quotidiano. "E' stato un percorso difficile"

Thomas Hitzlsperger festeggia il campionato vinto con lo Stoccarda (Infophoto) Thomas Hitzlsperger festeggia il campionato vinto con lo Stoccarda (Infophoto)

Lo scorso mese di aprile aveva fatto scalpore l'uscita allo scoperto di Jason Collins, ex giocatore NBA, che aveva dichiarato la sua omosessualità; l'outing nel mondo dello sport non è mai stato comune, in particolar modo in discipline come il basket. La notizia di oggi se possibile fa ancor più sobbalzare, perchè a dichiararsi omosessuale, attraverso le colonne del Die Zeit, è stato Thomas Hitzlsperger. Lo abbiamo visto anche in Italia: la Lazio lo aveva messo sotto contratto nel gennaio 2010, ma in biancoceleste il centrocampista tedesco ha lasciato poco il segno (6 partite e un gol). Gli anni migliori li ha decisamente avuti nello Stoccarda (con cui ha vinto il Meisterschale), nel quale si era trasferito a 23 anni dopo cinque stagioni positive con l'Aston Villa. Con la nazionale tedesca ha vito un Europeo Under 21 e ha preso parte ai Mondiali casalinghi del 2006, raggiungendo il terzo posto. "E' stato un percorso lungo e difficile", ha spiegato Il Martello, il soprannome che lo ha accompagnato nel corso della sua carriera. "Alla fine ho capito che preferisco vivere con un uomo al mio fianco". E ha poi spiegato di aver fatto outing perchè lo sport "faccia un passo in avanti sull'accettazione dell'omosessualità. Non mi sono mai vergognato, ma mi è sempre stato difficile affrontare un argomento che viene affrontato". L'immagine evocata, quella di battute sui gay da parte di venti calciatori riuniti intorno a un tavolo, è quella usata da Hitzlsperger per chiarire come si sia sentito in tutti questi anni. "L'omosessualità non è mai stata un problema dove ho giocato, ma la voglia di vincere e lottare nel calcio sono valori e concetti che si adattano poco alle 'femminucce'". La speranza, ha chiuso l'ex calciatore, è che altri seguano il suo esempio.

© Riproduzione Riservata.