BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

MONACO-BENFICA/ Quote, dove vederla in diretta tv, probabili formazioni: ultime novità (Champions League 2014-2015, gruppo C)

Le probabili formazioni di Monaco Benfica: le ultime novità sulla partita valida per la terza giornata del gruppo C di Champions League 2014-2015. Si gioca allo stade Louis II alle 20:45

Foto InfophotoFoto Infophoto

Le quote di Monaco Benfica sono mediamente alte e mostrano una sfida tra due formnazioni che si equivalgono. Il pronostico degli scommettitori è per i padroni di casa del Monaco, che vengono dati in vantaggio come quote per via del fattore campo. Dall'altra parte il Benfica invece deve assolutamente vincere essendo ancora fermo a 0. Andando a vedere le quote nello specifico vediamo che l'1 del Monaco  è dato a , il 2 del Benfica a . Un pareggio servirebbe a poco alla squadra portoghese, che presumibilmente si spingerà all'attacco per cercare di vincere. Under quotato a 1,60, Over a 2,20, Goal a 1,90 e NoGoal a 1,80.

Se avete un abbonamento Sky potete seguire la partita in diretta Tv sul canale Sky Calcio 6 dalle 20.45 e in diretta streaming su Sky Go. 

MONACO-BENFICA DOVE VEDERLA IN DIRETTA TV, QUOTE, PROBABILI FORMAZIONI: LE ULTIME NOVITA’ (CHAMPIONS LEAGUE 2014-2015, GRUPPO C) - Monaco-Benfica si gioca questa sera alle ore 20:45 allo stade Louis II ed è valida per la terza giornata del gruppo C di Champions League 2014-2015. Nonostante la smobilitazione estiva la formazione del Principato ha iniziato bene il suo percorso europeo e guida il girone con 4 punti, mentre il Benfica ha perso entrambe le sfide giocate e quindi deve recuperare terreno se vuole avere ancora una possibilità di qualificazione agli ottavi di finale. Arbitra il polacco Szymon Marciniak. 

Leonardo Jardim deve rinunciare all’indisponibile Borja Lopez, ma per il resto ha tutta la rosa a disposizione. Può quindi schierare la sua formazione migliore, che va in campo con il consueto 4-2-3-1; in porta il titolare è sempre Subasic nonostante sia arrivato anche Maarten Stekelenburg. Difesa con Fabinho a destra (è stato recentemente convocato in nazionale) mentre a sinistra va Kurzawa che ha perso il playoff per andare agli Europei Under 21 con la Francia ed è pure stato “umiliato” dagli svedesi che gli hanno rinfacciato un’esultanza troppo sopra le righe nel match di andata. Centrali Ricardo Carvalho e Andrea Raggi, mentre a centrocampo c’è la qualità di Kondogbia che finalmente quest’anno sta trovando lo spazio che merita, al fianco di Toulalan che come sempre corre per due e anche per tre. Joao Moutinho è il trequartista al quale sono chiesti compiti di impostazione e anche di gol (ha deciso la partita contro il Bayer Leverkusen), ai suoi lati agiscono Bernardo Silva e uno tra Ferreira Carrasco (che parte favorito) e Lucas Ocampos. Davanti ovviamente c’è Dimitar Berbatov. 

Il Benfica di Jorge Jesus domina in campionato ma non si sblocca in Europa; ha tanti giocatori infortunati tra i quali Silvio (dalla fine della stagione scorsa), Ruben Amorim, Sulejmani e Ola John. Anche qui lo schema è il 4-2-3-1: Maxi Pereira e Eliseu agiscono sulle corsie laterali, con Luisao e Jardel che sono una coppia centrale di grande posizionamento e fortissima sulle palle aeree, ma attaccabile palla a terra e in velocità. La mediana ha grande qualità perchè il greco Samaris, rivelazione degli ultimi Mondiali, gioca in coppia con Enzo Perez che si era preso il posto da titolare nell’Argentina sempre in Coppa del Mondo, fino a giocare la finale. Salvio e Talisca accompagnano sulla trequarti Nico Gaitan; un giocatore che ha talento e personalità e da solo può fare la differenza, ma naturalmente si dovrà affidare ai gol di Lima che sembra partire in vantaggio sia su Pizzi che su Derley. La panchina è corta, abbiamo visto tutti gli indisponibili nelle Super Aquile: c’è anche Bryan Cristante che per il momento non ha ancora troppo inciso nella sua nuova squadra (in Champions League ha giocato 45 minuti, in campionato soltanto 18). In porta torna Artur, va dunque in panchina Julio Cesar che aveva giocato a Leverkusen.