BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Video / Olympiacos-Juventus (1-0): gol, sintesi e highlights. La super parata di Roberto (Champions League, 22 ottobre)

Video Olympiacos Juventus (1-0): gol e highlights della partita valida per la terza giornata del gruppo A di Champions League 2014-2015. Si gioca al Pireo mercoledi 22 ottobre 2014

Foto Infophoto Foto Infophoto

Nella vittoria dell'Olympiacos contro la Juventus il grande protagonista, a parte Pajtim Kasami, è stato senza dubbio Roberto Jiménez Gago, portiere di 28 anni. Cresciuto nelle giovanili dell'Atletico Madrid, ha fatto tutta la trafila delle nazionali giovanili spagnole ma poi non ha trovato lo spazio che gli era precluso da Iker Casillas e altri colleghi; all'Olympiacos è diventato estremo difensore di grande valore come ha ampiamente dimostrato ieri. Ha salvato su Tevez e gli altri giocatori della Juventus, ma la parata più bella è arrivata quando Morata è riuscito a controllare in area e si è girato sparando un sinistro dritto per dritto: sembrava fatta, ma il numero 16 dei greci si è allungato sulla sua destra e con la mano aperta ha deviato il pallone mandandolo a sbattere contro la traversa, salvando di nuovo la sua squadra. E ora, in vista della partita di ritorno i bianconeri sperano che Roberto non sia così in forma come si è visto al Pireo.

L'Olympiakos ha battuto la Juventus per 1-0 nella terza giornata del gruppo A di Champions League, dimostrandosi una volta di più una formazione fortissima in casa. Insomma, allo stadio Karaiskakis non è retorica parlare di 'dodicesimo uomo in campo' riferendosi ai tifosi della squadra di casa. I greci ottengono così la seconda vittoria al Pireo in questo girone che li vede al momento in testa, complicando di molto la situazione della Juventus: i bianconeri possono solo consolarsi pensando che fra due settimane giocheranno davanti ai propri tifosi e dunque non dovranno fare i conti con un ambiente come quello che possiamo vedere nel video qui sotto, che vi mostra la coreografia dei tifosi ellenici. 

Seconda sconfitta nel gruppo A che perde per 1 a 0 ad Atene contro l'Olympiacos. Fatale nel primo tempo è il goal al 36' di Kasami su assist di Mitroglu, al termine dell'azione iniziata da Dominguez dopo che Pirlo aveva perso palla. Nonostante la Juve abbia tirato 18 volte, il doppio rispetto ai greci, solo 6 volte i bianconeri hanno centrato lo specchio della porta, cosa che ha fatto anche l'Olympiacos in 5 tentativi. Le conclusioni degli italiani sono state però fermate dal portiere Roberto, il migliore in campo a fine partita, aiutato anche dalla traversa al 65' in occasione di uno dei tiri dello spagnolo Morata. L'assedio finale degli uomini di Allegri li ha portati anche a raggiungere il 58% nel possesso palla ma nemmeno gli 8 corner guadagnati hanno portato alla rete del pari (i biancorossi, invece, hanno battuto un solo calcio d'angolo). La situazione del girone vede ora l'Atletico Madrid e l'Olympiacos a 6 punti mentre Juventus e Malmo appaiate a 3. 

L’Olympiacos si porta in vantaggio al 35’ minuto di gioco con un gol di Pajtim Kasami, giocatore già visto in Italia con la maglia del Palermo. Azione di ripartenza da parte dei greci: la Juventus perde un pallone in mezzo al campo e scatena la velocità di Alejandro Dominguez, che è abile ad attirare su di sè la difesa avversaria e, giunto al limite dell’area, scarica a sinistra per l’accorrente Mitroglou. Cross immediato per Kasami che arriva a rimorchio, piatto sinistro piazzato all’angolino alla destra di Buffon che rimane immobile.

In attesa di vedere le azioni della partita, andiamo a ripercorrere insieme quello che è successo alla vigilia di Olympiacos-Juventus. Massimiliano Allegri in conferenza stampa ha ribadito l'importanza di vincere contro i greci dato che si tratta di uno scontro diretto che può permettere di avere maggiori chance di passare il turno. Ha poi dato 7/11 della formazione titolare. Per l'avversario ha dimostrato di avere molta considerazione, dato che ha battuto l'Atletico Madrid, ed ha spiegato l'atteggiamento giusto che dovrà avere la sua squadra nell'affrontarlo. Al fianco di Allegri c'era Gianluigi Buffon che ha ribadito l'obiettivo di entrare tra le prime 8 d'Europa, ma ha sottolineato che l'Olympiacos è una squadra da rispettare e che comunque la Juventus ha il potenziale per fare bene. Per vedere la conferenza dell'allenatore e del capitano bianconeri, vi rimandiamo al video qui sotto.

Alle ore 20:45 va in scena Olympiakos-Juventus, partita valida per la terza giornata del gruppo A di Champions League 2014-2015. L’ultima volta in cui le due squadre si sono affrontate era il 30 settembre 2003, sempre fase a gironi di Champions League. I greci si portarono in vantaggio per primi: dopo 11 minuti di gioco un crossa dalla destra fu impattato benissimo di testa da Ieroklis Stoltidis che infilò la palla alla destra di Buffon prendendo il tempo a Legrottaglie. Ma i bianconeri seppero reagire subito: punizione dai 25 metri di Pavel Nedved, palla leggermente deviata dall’ultimo uomo in barriera e portiere beffato con la traiettoria terminata alla sua destra. Nel secondo tempo l’Olypiacos sfiorò il gol del vantaggio, lo stesso fece la Juventus quando Trezeguet non arrivò su un cross dalla destra di Nedved; Djordjevic ci provò da fuori e Katergiannakis tolse da sotto la traversa un colpo di testa di Nedved. Il gol vittoria per i bianconeri arrivò al 79’ minuto: un gran destro di Nedved sotto la traversa sorprese Katergiannakis e consegnò i tre punti alla Juventus; che si sarebbe qualificata per gli ottavi di finale, ma sarebbe stata subito elliminata.